Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:04
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Neonato abbandonato dopo il parto nel deserto, mangiato vivo dai cani randagi

Immagine di copertina

Neonato abbandonato dopo il parto nel deserto di Taiwan, mangiato vivo dai cani randagi

Una donna di 19 ha abbandonato il figlio appena nato in un deserto, chiuso in un sacchetto di plastica. Il fatto è avvenuto nel sud di Taiwan. Il neonato sarebbe stato mangiato vivo dai cani randagi, spiega la polizia, oppure morto di fame o congelato, come racconta la polizia, che ha trovato minuscole ossa umane nascoste tra la vegetazione. A compiere il gesto è stata un donna, nota con lo pseudonimo di Xiao Mei, con problemi mentali e seguita dagli assistenti sociali. Ad accompagnarla nell’abbandono del bambino anche il padre, un 28enne di Kaohsiung.

La coppia si era conosciuta online e aveva gravi problemi economici. I due vivevano insieme in un appartamento in affitto nel distretto Siaogang di Kaohsiung.

Dopo aver abbandonato il bambino, i due si sarebbero nascosti in un internet cafè per quasi un mese, senza uscire. I servizi sociali sono riusciti a rintracciare la coppia e metterla in contatto con la polizia. La stessa Xiao ha raccontato agli assistenti di aver gettato via il bambino lo stesso giorno in cui era nato. Poco dopo la confessione, i poliziotti hanno rintracciato i resti del neonato.

L’Ufficio per gli Affari Sociali di Kaohsiung ha invitato altri giovani genitori a contattare gli assistenti per avere consulenza, assistenza nutrizionale e sanitaria, nonché assistenza finanziaria se si trovano in circostanze simili.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Vietato dire Natale: le linee guida per la “comunicazione inclusiva” dell’Ue
Esteri / Il nuovo capo dell’Interpol è Ahmed Naser al-Raisi, un generale accusato di torture e arresti arbitrari
Esteri / “Giulio Regeni ucciso per una rivalità tra servizi segreti”: le rivelazioni di un’inchiesta francese
Ti potrebbe interessare
Esteri / Vietato dire Natale: le linee guida per la “comunicazione inclusiva” dell’Ue
Esteri / Il nuovo capo dell’Interpol è Ahmed Naser al-Raisi, un generale accusato di torture e arresti arbitrari
Esteri / “Giulio Regeni ucciso per una rivalità tra servizi segreti”: le rivelazioni di un’inchiesta francese
Esteri / Comprò voti per portare le Olimpiadi a Rio de Janeiro: Nuzman condannato a 30 anni di carcere
Cronaca / Russia, incidente in una miniera di carbone in Siberia: 52 morti
Esteri / Covid, la nuova variante Omicron è arrivata in Europa: primo caso rilevato in Belgio
Esteri / Dalla Germania alla Cina: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Corea del Nord: condannato a morte per aver importato una copia di Squid Game
Esteri / Le storie dei lavoratori che sfidano Amazon nel giorno del Black Friday
Cronaca / Sudafrica, rilevata nuova variante Covid-19: “Minaccia grave”