Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:31
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice

Immagine di copertina

“Mi dispiace, dobbiamo cancellare il suo transfer a causa della scarsità di benzina e degli scioperi nel Regno Unito”, arriva alle 9 del mattino il messaggio di Alexander, che gestisce una società di noleggio con conducente e fornisce servizi di car pooling per l’aeroporto di Gatwick. Il Regno Unito è nel caos: mancano i carburanti nelle stazioni di servizio, mancano molti prodotti e più si diffonde la notizia della scarsità, più gli inglesi si precipitano a fare scorte.

Nel Paese mancano 100.000 camionisti e operatori della logistica, ad ogni angolo delle strade delle periferie di Londra si trovano cartelli “we are hiring” (stiamo assumendo). Le regole della Brexit hanno scoraggiato l’immigrazione e ora il primo ministro Boris Johnson, dopo le critiche pubbliche, corre ai ripari e annuncia “leggi più flessibili” per incoraggiare l’immigrazione dopo che migliaia di camionisti (con cittadinanza UE) hanno lasciato il Regno Unito a seguito della Brexit.

Un report della RHA, associazione di categoria del Regno Unito dedicata agli operatori del trasporto su strada, ha indagato le cause della scarsità di trasportatori: la Brexit (che ha influito su oltre il 50% dei trasportatori), i pensionamenti (solo l’1% dei trasportatori ha meno di 25 anni e la media è di 55), e mancanza di sessioni di esami per la patente speciale a causa del Covid-19.

Non è la prima volta che il Regno Unito si ritrova in una situazione di questo tipo: a inizio settembre centinaia di pub avevano denunciato la mancanza di approvvigionamento di birra, e durante l’estate alcune note catene di ristoranti avevano segnalato la scarsità di accesso a prodotti alimentari indispensabili (come il pollo).

Le richieste dell’associazione dei trasportatori: più immigrati, meno barriere

L’Associazione per il Trasporto su Strada (RHA) ha scritto al governo di Boris Johnson chiedendo un’estensione dei visti per i trasportatori e che il lavoro di trasportatore sia inserito tra le professioni “a rischio di scarsità”. L’Associazione chiede inoltre che vengano attivati percorsi per incoraggiare sempre più cittadini britannici a lavorare nel settore, riducendo la necessità di ricorrere a lavoratori stranieri. Questo anche perché, nonostante la possibile estensione dei visti, le associazioni europee di trasporti sono scettiche sull’attrattività del Regno Unito rispetto ai trasportatori. “Mi aspetto che molti autisti non torneranno nel Regno Unito anche se il governo britannico glielo permetterà”, ha comunicato Marco Digioia, il segretario generale dell’UETR, che rappresenta più del 70 per cento delle aziende di autotrasporti in tutta l’UE.

Intanto, si rincorrono le voci di un possibile intervento dell’esercito e delle forze militari britanniche, come accadde nel 2000, quando la scarsità di benzina paralizzò il Paese, con la chiusura di scuole, negozi e aziende.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Gaza: 14 palestinesi uccisi in altri due raid dell'Idf a Rafah. Carri armati israeliani raggiungono il centro città. Tel Aviv schiera un'altra brigata nella zona. Oms: 723 operatori sanitari uccisi dal 7 ottobre. Il bilancio totale delle vittime sfiora i 36.100 morti. Mar Rosso, attaccata una nave mercantile al largo dello Yemen: imbarca acqua. Spagna, Irlanda e Norvegia riconoscono lo Stato di Palestina. La Slovenia deciderà il 30 maggio
Esteri / “Nei seminari c’è già troppa frociaggine”: la frase omofoba attribuita a Papa Francesco
Esteri / La Russia toglierà i talebani dalla lista delle organizzazioni terroristiche
Ti potrebbe interessare
Esteri / Gaza: 14 palestinesi uccisi in altri due raid dell'Idf a Rafah. Carri armati israeliani raggiungono il centro città. Tel Aviv schiera un'altra brigata nella zona. Oms: 723 operatori sanitari uccisi dal 7 ottobre. Il bilancio totale delle vittime sfiora i 36.100 morti. Mar Rosso, attaccata una nave mercantile al largo dello Yemen: imbarca acqua. Spagna, Irlanda e Norvegia riconoscono lo Stato di Palestina. La Slovenia deciderà il 30 maggio
Esteri / “Nei seminari c’è già troppa frociaggine”: la frase omofoba attribuita a Papa Francesco
Esteri / La Russia toglierà i talebani dalla lista delle organizzazioni terroristiche
Esteri / Papa Nuova Guinea: 670 morti e 2.000 sepolti vivi per una frana nella provincia di Enga
Esteri / Medvedev: “Se Usa attaccano obiettivi russi, sarà guerra mondiale"
Esteri / Gaza, raid israeliano su un campo per sfollati a Rafah: 45 morti. Idf: eliminati 2 comandanti di Hamas. Tel Aviv: "Civili uccisi da un incendio". Crosetto: "Ingiustificabile". Ue, Borrell accusa: "Ignorata la Corte de L'Aja". Qatar: "Complica i negoziati". Erdogan paragona Netanyahu a Hitler e Milosevic. Il premier: "tragico incidente". Lo Stato ebraico apre un'indagine militare. Sparatoria tra Idf e truppe egiziane al valico di Rafah: un morto. Oltre 36mila vittime e 81mila feriti dal 7 ottobre
Esteri / Russia-Ucraina, il segretario Nato Stoltenberg attacca la Cina: “Alimenta la guerra in Europa”
Esteri / Hamas lancia una raffica di razzi verso il centro di Israele. Tregua, i negoziati riprenderanno martedì in Egitto
Esteri / “Gli arabi vadano via, Gaza sarà nostra”: l’agghiacciante intervista alla madrina dei coloni israeliani Daniela Weiss
Esteri / Il segretario Nato Stoltenberg: “L’Ucraina dovrebbe poter usare le armi occidentali per colpire in Russia”