Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 15:11
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Nagorno-Karabakh, l’Armenia viola la tregua e bombarda Ganja: almeno 7 morti. Ma i separatisti armeni negano: “È una bugia”

Immagine di copertina

Nagorno-Karabakh, violato il cessate il fuoco: l’Armenia bombarda Ganja

L’Armenia ha violato il cessate il fuoco stabilito con l’Azerbaijan e relativo al conflitto nel territorio di Nagorno-Karabakh bombardando nella notte tra sabato 10 e domenica 11 ottobre la città di Ganja, la seconda più grande dell’Azerbaijan. Ad annunciarlo è stato il ministro degli Esteri di Baku su Twitter, specificando che le bombe armene sono state lanciate su un’area residenziale della città e hanno causato almeno 7 morti e 33 feriti, tra cui anche molti bambini. Il ministero della Difesa dei separatisti armeni del Nagorno Karabakh, invece, ha negato di aver bombardato Gandja. “È una bugia assoluta” ha dichiarato, sostenendo di aver rispettato la tregua.

La tregua era stata raggiunta con la mediazione della Russia e prevedeva che il cessate il fuoco entrasse in vigore a partire dalle ore 12, le 10 in Italia, del 10 ottobre. Tuttavia, già pochi minuti dopo l’entrata in vigore del cessate il fuoco, il ministro della difesa armeno aveva accusato l’Azerbaijan di aver violato la tregua lanciando un’offensiva nella parte orientale del territorio. “La città di Kapan è stata appena colpita da missili, ci sono morti e feriti” aveva scritto il portavoce del ministro della Difesa armena su Facebook. Circostanza smentita dal collega azero che, sempre sui social, aveva replicato: “Si tratta dell’ennesima provocazione del nemico”. Le continue tensioni e provocazioni tra i due Paesi, comunque, dimostrano ancora una volta come la tregua sia fragilissima.

Leggi anche: 1. Nagorno-Karabakh, bombardata chiesa simbolo e feriti due giornalisti: la testimonianza dal fronte / 2. Mkhitaryan, lettera aperta a Putin, Trump e Macron: “In Nagorno Karabakh tragedia senza precedenti” / 3. Dalla Libia all’Azerbaigian: la guerra per procura dei mercenari siriani di Erdogan / 4. La città spettrale del Nagorno-Karabakh

Ti potrebbe interessare
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Ti potrebbe interessare
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"