Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:09
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Giallo a Moskva: la nave affondata trasportava armi nucleari? Mistero anche sulla sorte dell’equipaggio

Immagine di copertina

In occasione del cinquantesimo dell’invasione, ieri l’esercito ucraino ha colpito e affondato con due missili Neptune la nave ammiraglia della flotta russa nel Mar Nero “Moskva,” – di gran lunga la più potente nell’area marittima, che avrebbe dovuto guidare l’assalto navale a Odessa – infliggendo uno dei colpi più duri dall’inizio della guerra al Cremlino, già messo a dura prova dalla tenace resistenza ucraina.

Ora però diverse fonti si chiedono se l’incrociatore lanciamissili fosse effettivamente dotato di armi nucleari, come previsto dal progetto della nave, che ora potrebbero giacere sul fondale marino. Secondo il quotidiano ucraino Defence Express, che ha intervistato diversi esperti tra cui ingegneri navali e ufficiali della Marina, “c’è una forte possibilità che l’ammiraglia colpita avesse un arsenale nucleare a bordo.” Mosca ha confermato le esplosioni a bordo, attribuendole però a un incendio nel deposito di munizioni, e per ora non conferma ne smentisce l’inquietante dubbio.

Nel frattempo è mistero anche sul destino dell’equipaggio. A bordo della nave infatti sarebbero state presenti 510 persone che le autorità russe sostengono di aver evacuato, ma secondo alcuni filmati girati a Sebastopoli, in Crimea, e circolati successivamente in rete, solo 50 sarebbero stati portati in salvo. La prova, come riporta il Daily Mail, sarebbe nelle decine di macchine parcheggiate al porto di Sebastopoli, presumibilmente appartenenti ai marinai, che non sono andati a riprenderle.

Secondo le autorità ucraine, al momento dell’attacco la Moskva si trovava in acque territoriali ucraine, proprio davanti all’isola dei Serpenti, salita agli onori delle cronache a inizio conflitto per il “vaffa” dei militari ucraini di fronte all’ultimatum di resa partito dalla stessa nave. Secondo gli ultimi rapporti ucraini, ancora non confermati, insieme all’incrociatore sarebbe andato a fondo anche il suo capitano di 1° grado Kuprin Anton Valeryevich, a ulteriore conferma che la campagna navale russa finora non ha dato i frutti sperati.

Ti potrebbe interessare
Esteri / I video dell’esecuzione dei civili a Bucha: le nuove prove pubblicate dal New York Times
Economia / Il paradosso delle sanzioni: dall’invasione l’Italia ha quadruplicato le importazioni di petrolio russo
Esteri / Sfida sui ghiacci: la guerra dell’Artico tra Nato e Russia
Ti potrebbe interessare
Esteri / I video dell’esecuzione dei civili a Bucha: le nuove prove pubblicate dal New York Times
Economia / Il paradosso delle sanzioni: dall’invasione l’Italia ha quadruplicato le importazioni di petrolio russo
Esteri / Sfida sui ghiacci: la guerra dell’Artico tra Nato e Russia
Esteri / La figlia di Putin sta con uno Zelensky: la relazione segreta di Katerina con il coreografo Igor
Cronaca / Mali, tre italiani e un togolese rapiti da uomini armati: sequestrata una coppia con bambino
Esteri / Nato, Mosca alla Svezia: “Convochi referendum, il sostegno è basso”
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky: "Fase finale sarà più sanguinosa". Mosca: "Azovstal è nostra"
Esteri / Vaiolo delle scimmie, l’Oms avverte: “Quadro in rapida evoluzione”
Esteri / Sparatoria in una scuola in Germania: almeno un ferito, fermato un sospetto
Esteri / La gaffe di George W. Bush: “La brutale invasione dell’Iraq… volevo dire “dell’Ucraina” | VIDEO