Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 20:05
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

È morto James Dresnok, l’ultimo soldato statunitense fedele alla Corea del Nord

Immagine di copertina

Oltre 55 anni fa, aveva disertato dall'esercito degli Stati Uniti per attraversare il confine e unirsi al regime

I figli di James Joseph Dresnok hanno annunciato la morte del padre, avvenuta alla fine dell’anno scorso. L’uomo, poco prima di morire, aveva confermato la sua fedeltà al leader Kim Jong-Un ed era l’ultimo soldato statunitense vivo in Corea del Nord.

Nel 1962, Dresnok, allora 21enne, aveva disertato dall’esercito del suo paese e insieme a tre compagni si era unito al regime nordcoreano, attraverso la zona smilitarizzata al confine tra le due Coree.

Dopo un periodi iniziale di stretto controllo, i quattro militari iniziarono a vivere una vita normale, dotata dei comfort dell’epoca, e comparvero in diversi filmati di propaganda del regime.

“Nostro padre è stato nelle braccia della Repubblica, ricevendo cura e amore dal partito, finché non è morto a 74 anni”, ha detto Ted Dresnok, primogenito del disertore, che ha cittadinanza nordcoreana – e il nome di Hong Soon Chol – ed è nato dalla relazione con Doina Bumbea, pittrice romena portata con l’inganno nel paese da agenti nordcoreani.

In un’intervista del 2016, James Dresnok aveva ammonito gli “imperalisti statunitensi” e la loro “follia bellicosa”, minacciando le ritorsioni distruttive del regime.

Il soldato aveva sempre manifestato soddisfazione per la sua scelta di vita. “Non lascerei la Corea del Nord neanche se ricevessi un miliardo di dollari d’oro su questo tavolo”, aveva detto in un’intervista all’emittente statunitense Cbs.

In un documentario, Dresnok aveva giustificato la sua scelta di disertare l’esercito, avvenuta oltre 55 anni fa, perché la moglie lo aveva lasciato pochi anni prima. In più, l’uomo, ripartito per la guerra in Corea, rischiava una condanna nella corte marziale per essere venuto meno ai suoi doveri di soldato: durante un turno, aveva visitato un bordello.

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Una persona è vecchia quando si sente tale”: la regina Elisabetta rifiuta il premio “Anziani dell’anno”
Esteri / Facebook cambierà nome: presto l’annuncio ufficiale
Esteri / Le femministe fanno causa a Miss France: “Spettacolo sessista e discriminatorio”
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Una persona è vecchia quando si sente tale”: la regina Elisabetta rifiuta il premio “Anziani dell’anno”
Esteri / Facebook cambierà nome: presto l’annuncio ufficiale
Esteri / Le femministe fanno causa a Miss France: “Spettacolo sessista e discriminatorio”
Esteri / Regno Unito, torna a fare paura il Covid: oltre 200 morti al giorno e 43mila casi. Sotto osservazione nuova mutazione
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale