Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 20:48
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La mortalità materna è quasi dimezzata in 25 anni

Immagine di copertina

I decessi legati alla gravidanza sarebbero calati del 44 per cento in 25 anni, ma il 99 per cento di questi avviene ancora nei Paesi in via di sviluppo

I decessi legati alla gravidanza sarebbero calati del 44 per cento negli ultimi 25 anni, secondo un report dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) pubblicato dalla rivista scientifica The Lancet. 

Nel 2015, circa 303mila donne sono morte a causa di complicazioni durante la gravidanza o nei sei mesi successivi al parto; per gli stessi motivi, nel 1990, sono morte 532mila donne, quasi il doppio.

Sebbene 39 Paesi abbiano riportato un “significativo progresso” nel ridurre i decessi legati ai parti, solo nove nazioni hanno raggiunto il traguardo previsto dall’Onu.

Nell’estremo oriente si sono registrati i maggiori progressi: qui la mortalità materna è passata da un tasso di 95 a 27 per 100mila bambini nati.

Lale Say, la coordinatrice del dipartimento per la riproduzione salute e ricerca dell’OMS, sostiene tuttavia che non c’è stato uno sviluppo equilibrato: il 99 per cento dei decessi avviene ancora nei Paesi in via di sviluppo. 

“Molti Paesi con un’alta percentuale di mortalità materna faranno pochi progressi, o regrediranno, nei prossimi 15 anni se non verrà aumentato il numero delle ostetriche e migliorata la loro formazione”, ha detto Babatunde Osotimehin, il direttore esecutivo del fondo delle Nazioni Unite per la popolazione. 

L’obiettivo dell’Onu è di ridurre la mortalità materna a livello globale a un tasso inferiore a 70 ogni 100mila parti, entro il 2030.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Russia, primi risultati delle legislative: il partito di Putin in netto calo, boom dei comunisti
Esteri / Usa, crisi al confine con il Messico: più di 10mila migranti sotto a un ponte in Texas
Esteri / Il Parlamento Ue vuole una legge per contrastare i femminicidi: “È violenza di genere”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Russia, primi risultati delle legislative: il partito di Putin in netto calo, boom dei comunisti
Esteri / Usa, crisi al confine con il Messico: più di 10mila migranti sotto a un ponte in Texas
Esteri / Il Parlamento Ue vuole una legge per contrastare i femminicidi: “È violenza di genere”
Esteri / Papa Francesco: “No vax anche tra i cardinali. Uno è ricoverato. Sì alle unioni civili per gli omosessuali”
Esteri / Instagram danneggia la salute mentale delle adolescenti. Facebook lo sa, ma non fa niente
Esteri / “Il burqa non è nella nostra cultura”: la campagna social delle donne afghane contro i talebani
Ambiente / Mattanza di delfini alle isole Faroe per la tradizionale caccia Grindadrap
Esteri / Israele, morto per Covid il leader dei no vax. Anche dall’ospedale incitava i suoi: “Continuate le proteste”
Esteri / “Dopo l’assalto a Capitol Hill i militari tolsero a Trump l’accesso alle armi nucleari”
Esteri / La Corte europea dei diritti dell’uomo: il green pass “non viola i diritti umani”