Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:20
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Morire in Afghanistan

Immagine di copertina

Barbara De Anna è morta, a quasi un mese dall'attentato talebano alla sede dell'Oim in cui lavorava

Quarant’anni, fiorentina, funzionaria dell’Oim, angelo silenzioso dei migranti. Barbara De Anna viveva in Afghanistan dal 2010, da più di due anni lavorava in quella terra devastata da guerra e sofferenza. La sua era una missione di pace, la missione di quell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni che da ben 62 anni protegge e sostiene i migranti di tutto il mondo.

Barbara De Anna era un’italiana, una donna ma, ancor più, era una delle migliaia di persone che decidono di dedicare la propria vita alla salvaguardia degli altri, dei più deboli, degli ultimi. La lunga e formativa esperienza all’Onu aveva segnato il suo futuro. Poco dopo aveva deciso di abbracciare la missione dell’Oim, tra i 460 uffici dislocati in più di 100 Paesi, tra i 27 progetti operativi nelle 30 provincie afghane.

Nel 2010 il suo destino l’aveva condotta a Herat e l’anno successivo a Kabul, nella capitale di quello Stato che da decenni sembra conoscere solo morte, devastazione e dolore. Una guerra, quella dell’Afghanistan, che sembra durare da sempre, ormai assuefatta nell’immaginario comune, assodata, stabile, quasi se ne fosse dimenticata addirittura l’origine. Una guerra che continua a portare fame e mietere vittime. Civili, bambini, donne, uomini, Barbara.

Il 24 maggio 2013 fu il giorno dell’attacco. Una granata lanciata dai talebani nella sede dell’Oim, un’esplosione, l’ennesimo colpo contro gli aiuti umanitari. Barbara si trovava lì a svolgere con passione il suo lavoro, come sempre, quando l’esplosione la colpì in tutta la sua violenza. La situazione era subito apparsa gravissima. Ustioni di secondo grado nella quasi totalità del corpo, la corsa all’ospedale, le cure di Emergency, il trasferimento in Germania, l’agonia di quasi due mesi.

Oggi, la drammatica notizia: Barbara non ce l’ha fatta.

Quel giorno, quel 24 maggio, i talebani avevano rivendicato l’attentato attraverso il portavoce Zabiullah Mujahid, giustificandolo: la sede dell’Oim, in realtà, era solo la sede di “membri della Cia che fanno formazione ai servizi segreti afghani”. Ma l’Oim non è la Cia, l’Oim non è un’organizzazione governativa e Barbara non era un agente. Era solo uno dei 22 operatori umanitari che da 23 anni regalano speranza, aiuto e protezione ai migliaia di sfollati afghani, a quelle migliaia di civili che sono cresciuti tra la guerra, ma la guerra la rifiutano.

Adesso l’Italia piange la sua ennesima vittima, l’ennesimo angelo terreno che è appena volato in cielo, l’ennesimo dazio che il nostro Paese paga per una guerra infinita, non tollerata, lacerante.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Francia, il Parlamento approva: “Vietate le ‘terapie di conversione’ usate per ‘guarire’ l’omosessualità”
Esteri / “La Cina ha realizzato una app per spiare gli atleti alle Olimpiadi di Pechino”: l’accusa
Esteri / Crisi Russia-Ucraina, venti di guerra soffiano alle porte dell’Europa: cosa sta succedendo
Ti potrebbe interessare
Esteri / Francia, il Parlamento approva: “Vietate le ‘terapie di conversione’ usate per ‘guarire’ l’omosessualità”
Esteri / “La Cina ha realizzato una app per spiare gli atleti alle Olimpiadi di Pechino”: l’accusa
Esteri / Crisi Russia-Ucraina, venti di guerra soffiano alle porte dell’Europa: cosa sta succedendo
Esteri / Crisi Ucraina-Russia, l’Italia rischia di trovarsi in prima linea al costo di 78 milioni di euro
Esteri / “Il dilemma di Draghi”: la stampa internazionale si divide sull’ipotesi dell’ex banchiere al Quirinale
Esteri / Ucraina, la Nato annuncia l’invio di forze in Europa orientale. Il Cremlino: “L’Occidente aumenta le tensioni“
Esteri / Anche l’Economist volta le spalle a Draghi: “La sua candidatura al Quirinale un male per l’Italia e l’Europa”
Esteri / Un uomo è sopravvissuto dopo aver viaggiato per 10 ore nel carrello di un aereo partito dal Sudafrica
Esteri / Usa ordinano alle famiglie dei diplomatici di lasciare l’Ucraina. Sconsigliano viaggi anche in Russia
Esteri / Usa, rifiuta di indossare una mascherina in volo e si abbassa i pantaloni: 29enne rischia fino a 20 anni