Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 06:16
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Migranti, Minniti: “La Libia non è un porto sicuro, siamo a un passo da emergenza umanitaria”

Immagine di copertina
L'ex ministro dell'Interno del governo Gentiloni Marco Minniti

Migranti, Minniti: “La Libia non è un porto sicuro, siamo a un passo da emergenza umanitaria”

“L’Italia non giochi a battaglia navale davanti alla Libia, siamo a un passo dall’emergenza umanitaria, mentre Salvini discute come se fosse sempre al Papeete Beach. Il mondo è un po’ più grande del Papeete”. L’ex ministro dell’Interno Pd, Marco Minniti, ha parlato del tema dei migranti in un’intervista pubblicata oggi da Repubblica.

Minniti giudica “inaccettabile” il comportamento di Matteo Salvini, vicepremier e suo successore al Viminale.

La Libia, secondo l’ex ministro, “non è un porto sicuro. In questo momento poi, c’è una guerra civile: non possono essere rimandati là”. Il centrosinistra, sottolinea Minniti non “ha mai fatto operazioni di respingimento”.

Durante il suo mandato al Viminale, Minniti è stato il promotore di un accordo con la Libia, negoziato con la Libia nel 2017 con Fayez al-Sarraj, volto a limitare le partenze dei migranti.

Ora l’ex ministro avverte che il presupposto su cui questo governo e il ministro dell’Interno avevano costruito l’approccio sull’immigrazione “sta venendo meno”.

“Non solo l’immigrazione non si cancella, perché non può essere cancellata”, dice. “Ma c’è un dato preoccupante: sono aumentati in Italia gli sbarchi gestiti da scafisti. Solo l’8 per cento degli arrivi è frutto delle azioni di ricerca e salvataggio in mare delle Ong”.

Minniti fa riferimento anche alla questione rimpatri: “Dovevano essere 500 mila in poche settimane, ci vorrebbero 70 anni. Se non fosse una tragedia, perché si parla di vite umane, sarebbe una farsa”.

L’ex ministro definisce il decreto Sicurezza bis, approvato alla Camera e in discussione al Senato, “una aberrazione giuridica” perché “cancella l’umanità e non garantisce la sicurezza”.

Lega e 5Stelle, conclude, “mi ricordano i ladri di Pisa, che litigavano al mattino e poi la sera lavoravano insieme. Questo governo ha una guida nazional-populista in cui le cinque stelle stanno diventando ornamento di un monocolore leghista”.

Quando Minniti diceva: “In Libia non possiamo evitare di fare accordi con Haftar e Sarraj”

Libia, accordi su assistenza a motovedette: il Pd non partecipa al voto e abbandona la linea Minniti

Ti potrebbe interessare
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Esteri / Un milione di dollari in palio per chi si vaccina: la lotteria dell’Ohio per incentivare i No Vax
Esteri / "Io, scrittore israeliano, vi dico che l'inferno non finirà mai: Israele non sa riconoscere i suoi errori"
Ti potrebbe interessare
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Esteri / Un milione di dollari in palio per chi si vaccina: la lotteria dell’Ohio per incentivare i No Vax
Esteri / "Io, scrittore israeliano, vi dico che l'inferno non finirà mai: Israele non sa riconoscere i suoi errori"
Esteri / Nuovi raid su Gaza, tre razzi lanciati dalla Siria. Finora 126 morti
Esteri / “I vaccinati causano infertilità e aborti”: i no-mask pensano addirittura di usare la mascherina
Esteri / In Cambogia migliaia di persone sono rimaste senza cibo e medicine a causa del lockdown
Esteri / Iran, ragazzo di 20 anni decapitato dai suoi familiari perché gay
Esteri / L’uomo con 151 figli e 16 mogli: “Il mio lavoro è soddisfarle sessualmente”
Esteri / L’ex miss Myanmar si unisce alla lotta contro la dittatura militare: “Combatto per il mio Paese”
Esteri / David Grossman: “Il dialogo è fallito, la violenza fra arabi ed ebrei spezza il sogno della coesistenza”