Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Militari turchi hanno preso posizione all’interno del territorio siriano

Immagine di copertina

Militari e veicoli corazzati dell’esercito turco sono entrati in Siria e hanno preso posizioni nella provincia di Idlib, nel nord del paese.

Secondo quanto riferito in un comunicato, le truppe prenderanno posizioni nella zona per rendere possibile la creazione di una “de-escalation zone” che contribuisca alla pacificazione tra le truppe fedeli ad Assad e i ribelli, come stabilito dagli accordi con Russia e Iran.

Nella provincia di Idlib è molto forte la presenza del gruppo Hayat Tahrir al Sham, legato ad Al Qaeda, e nella zona di Afrin è presente un enclave controllata dalle forze curde che la Turchia vorrebbe contenere.

La Turchia nel delicato scacchiere siriano ha sempre sostenuto i ribelli che si oppongono al presidente Bashar al-Assad. Oltre a questo, lo scorso anno ha sostenuto un’offensiva contro l’Isis nel nord del paese.

L’offensiva turca in Siria vuole inoltre evitare che l’YPG, la forza curda presente nel paese e che gode del sostegno statunitense, acquisisca ulteriore terreno nell’area soprattutto della provincia di Idlib.

Secondo la stampa turca, a prendere parte a questa nuova operazione sono stati 30 veicoli corazzati e circa 100 militari. L’esercito ha dichiarato che al momento questi soldati prenderanno posizione per osservare i movimenti di truppe nelle zone e mettere in sicurezza l’area, come stabilito nel settembre 2017 ad Astana, in Kazakistan, nel vertice in cui la Turchia ha incontrato i leader di Russia e Iran, che sostengono invece il presidente siriano Assad.

L’accordo prevede la creazione di una “de-escalation zone” nel nord della Siria che venga controllata attraverso circa 500 postazioni controllate dalle tre potenze.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Regno Unito, ospita rifugiata ucraina: lascia moglie e figli e scappa con lei
Esteri / Pakistan, due sorelle uccise “per onore” dai suoceri: volevano divorziare dai cugini
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky: "Situazione critica nel Donbass. Mosca ruba il grano". I russi intensificano gli attacchi. Francia: "15-20 anni per Kiev nell'Ue"
Ti potrebbe interessare
Esteri / Regno Unito, ospita rifugiata ucraina: lascia moglie e figli e scappa con lei
Esteri / Pakistan, due sorelle uccise “per onore” dai suoceri: volevano divorziare dai cugini
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky: "Situazione critica nel Donbass. Mosca ruba il grano". I russi intensificano gli attacchi. Francia: "15-20 anni per Kiev nell'Ue"
Esteri / Afghanistan, le giornaliste sfidano i talebani: in tv a viso scoperto
Esteri / Australia, i laburisti vincono le elezioni
Cinema / Cannes, donna in topless sul red carpet per protesta contro gli stupri in Ucraina | VIDEO
Esteri / Chi sono i tre italiani rapiti in Mali: Rocco Langone, Maria Caivano e il figlio Giovanni
Cultura / In Bielorussia il governo vieta il romanzo “1984” di George Orwell
Esteri / “Putin circondato dai medici, curato anche tra una riunione e l’altra”: le nuove voci sul suo stato di salute
Esteri / Sharm El Sheikh, bimba abruzzese di 13 mesi cade dal balcone e muore