Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:19
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

L’ex ministro russo nemico di Putin fu ucciso, non morì per un infarto

Immagine di copertina

Mikhail Lesin, trovato morto in una stanza d’albergo di Washington l'anno scorso, non è stato colpito da un infarto ma è stato ucciso, hanno rivelato le autorità

L’ex ministro delle comunicazioni russo, Mikhail Lesin, trovato morto in una stanza d’albergo di Washington l’anno scorso, non è stato colpito da un infarto ma è stato ucciso, hanno rivelato le autorità statunitensi che hanno indagato sul caso.

L’autopsia avrebbe rivelato profonde ferite da corpi contundenti alla testa dell’uomo, anche se le cause del decesso e le circostanze della morte restano ancora da chiarire.

I media russi parlarono, citando familiari di Lesin, di morte per infarto al termine di una lunga malattia. Ma la polizia di Washington ha continuato a indagare sul caso, anche perché l’uomo, un tempo stretto collaboratore di Putin, era diventato un esponente del dissenso nei confronti del presidente russo.

 La portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, e l’ambasciatore russo a Washington hanno protestato con gli Stati Uniti per non aver ancora fornito chiarimenti sulle indagini, nonostante le numerose richieste del Cremlino.

 Conosciuto come un politico ambizioso e senza scrupoli, Lesin riuscì a entrare nell’oligarchia dei media russi fino a diventare capo della Gazprom Media, uno delle principali società nel settore delle telecomunicazioni, per poi dimettersi nel 2015 a causa delle precarie condizioni di salute.

 Tra il 1994 e il 2004 è stato ministro delle comunicazioni e uno degli ideatori di Russia Today, il canale in lingua inglese fondato dal Cremlino e adesso una delle principali rete televisive mondiali.

 Lesin era sospettato di aver accumulato negli Stati Uniti, quando era ministro delle comunicazioni, un’enorme fortuna, compresa una casa a Los Angeles da 28 milioni di dollari e l’anno scorso il senatore del Mississippi Roger aveva chiesto di indagarlo per corruzione e riciclaggio.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Amber Heard: “Johnny Depp mi ha quasi ucciso sull’Orient Express”
Esteri / Gran Bretagna, visto speciale agli studenti laureati in Università meritevoli: atenei italiani esclusi dalla lista
Esteri / Il filosofo Galimberti: "Non bisogna umiliare Putin? Non si tratta con i dittatori"
Ti potrebbe interessare
Esteri / Amber Heard: “Johnny Depp mi ha quasi ucciso sull’Orient Express”
Esteri / Gran Bretagna, visto speciale agli studenti laureati in Università meritevoli: atenei italiani esclusi dalla lista
Esteri / Il filosofo Galimberti: "Non bisogna umiliare Putin? Non si tratta con i dittatori"
Esteri / Musk: "Compro Twitter solo se dimostrano che i profili fake sono meno del 5%"
Esteri / Aborto Usa & getta: ecco l’eredità oscurantista di Trump
Esteri / Guerra in Ucraina, sospesi i negoziati. Svezia e Finlandia domani invieranno candidatura alla Nato
Esteri / Chi è Elisabeth Borne, la nuova premier francese nominata da Emmanuel Macron
Esteri / Il Libano verso una nuova era politica: Hezbollah perde la maggioranza
Esteri / Francia, Macron nomina premier Élisabeth Borne
Esteri / “Stefania”: un soldato ucraino canta il brano che ha vinto l’Eurovision mentre cadono le bombe a Mariupol | VIDEO