Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

L’odissea della Sea Watch carica di migranti: le impressionanti riprese a bordo | VIDEO

Sull'imbarcazione sono bloccate da giorni 32 persone

L’account italiano Twitter della ong Sea Watch ha pubblicato un video registrato a bordo della nave nel pieno di una tempesta in mare.

“Il 13esimo giorno con i nostri ospiti a bordo di #SeaWatch3 inizia a poche miglia dalle coste di #Malta (dove ci è stato permesso di cercare riparo dalla tempesta), mentre i ministri dell’Ue continuano a contrattare per 32 esseri umani”: sono queste le parole dure che accompagnano il filmato.

Sull’imbarcazione della ong tedesca, infatti, ci sono da tempo diversi migranti, inclusi donne e bambini. In attesa di capire dove potranno essere accolti, è sorta una polemica tra il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, e il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris.

Le sorti della Sea Watch

Le navi delle ong Sea Watch e Sea Eye, con a bordo complessivamente 49 migranti, sono bloccate da quasi due settimane nel mar Mediterraneo in attesa di un porto sicuro dove poter sbarcare.

Nella serata di giovedì 3 gennaio 2019, secondo quanto riporta il quotidiano francese Le Monde, la Francia si è detta disponibile ad accogliere una parte di questi migranti “nel contesto di uno sforzo europeo e per le persone che necessitano protezione”. Stessa disponibilità sarebbe arrivata da Germania e Paesi Bassi.

Il giorno precedente, mercoledì 2 gennaio, Malta aveva concesso alle due navi l’autorizzazione ad entrare in acque maltesi per ricevere assistenza, senza però autorizzare lo sbarco dei migranti.

Secondo il Times of Malta, il permesso è stato concesso dopo che l’équipe medica a bordo della nave ha riferito di un deterioramento delle condizioni di salute dei migranti a bordo, molti dei quali stanno soffrendo di mal di mare, e della fine delle scorte di acqua e cibo.

Le condizioni del mare sono a dir poco tragiche: onde alte tre metri, maestrale a venti nodi, temperature sotto lo zero e in peggioramento. A bordo ci sono 3 bambini di 1, 6 e 7 anni, che stanno vomitando in continuazione.

I 32 migranti a bordo dell’imbarcazione Sea Watch sono stati salvati lo scorso 22 dicembre a largo della Libia. E da allora vagano nel Mediterraneo in cerca di un porto per lo sbarco, negato finora da Malta, Italia e Spagna.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Proteste in Iran, la denuncia dei medici: “Le donne vengono colpite al volto, al seno e ai genitali”
Esteri / L’Europa si appresta a varare le regole sull’idrogeno verde: ecco perché le lobby sono già in agitazione
Esteri / Libera la cestista statunitense Brittney Griner: scambio di prigionieri con la Russia
Ti potrebbe interessare
Esteri / Proteste in Iran, la denuncia dei medici: “Le donne vengono colpite al volto, al seno e ai genitali”
Esteri / L’Europa si appresta a varare le regole sull’idrogeno verde: ecco perché le lobby sono già in agitazione
Esteri / Libera la cestista statunitense Brittney Griner: scambio di prigionieri con la Russia
Esteri / Iran, primo manifestante giustiziato dall'inizio delle proteste
Esteri / Putin rilancia l’allarme nucleare e ammette: “L’operazione in Ucraina potrebbe essere lunga”
Esteri / Caos in Perù: il Parlamento destituisce Castillo dopo il tentativo di sciogliere l’assemblea. Il presidente arrestato
Esteri / Guerra in Ucraina, Putin: “La Russia è pronta a difendersi con ogni mezzo”. Cresce la minaccia nucleare
Esteri / Il Time sceglie Zelensky come “persona dell’anno” per il 2022
Economia / La Francia vieta i voli brevi: via libera dell’Ue, ma solo se c’è il treno. In Italia a rischio tre tratte
Esteri / Commissione Ue: “Riconoscere i diritti dei genitori gay in tutti i Paesi membri”