Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » News

Lettera di Orfini al premier Conte: “Apra i porti ai migranti sulla Sea Watch”

Immagine di copertina
Matteo Orfini e Giuseppe Conte

Il presidente del Pd ha scritto al capo del governo per invocare un'apertura nella politica sui migranti: "Non sta al suo buon cuore, ma ai valori della nostra Costituzione"

Matteo Orfini, presidente del Partito democratico, ha scritto una lettera al premier Giuseppe Conte sul caso dei migranti salvati dalle navi Sea Watch e SeaEye e bloccati nel mar Mediterraneo da quasi due settimane in attesa di poter sbarcare in un porto sicuro.

“Le chiedo formalmente a nome del Partito Democratico di aprire i porti e accogliere quelle due navi”, scrive Orfini, che ha pubblicato la lettera sul suo profilo Facebook.

I 49 migranti a bordo delle due navi, sottolinea il deputato dem, “non hanno alcuna colpa se non quella di scappare dalla fame e dalla guerra”.

“Altri paesi hanno già dato la disponibilità ad accoglierli. Ma urge l’individuazione di un porto più vicino e sicuro”, ricorda Orfini.

Nella serata del 2 gennaio 2019, infatti, il governo di Malta ha autorizzato le due navi a entrare nelle sue acque territoriali per ricevere assistenza, ma non ha dato alcun ok per lo sbarco dei migranti.

“È lei il Presidente del Consiglio”, scrive Orfini. “Lei, non i suoi vice. Ed è lei che oggi ha la responsabilità di scegliere. Se sceglierà di mantenere i porti chiusi, lei sarà artefice di una barbarie e sue saranno le responsabilità per la sofferenza e i pericoli che quegli esseri umani dovranno superare per giungere in porti più lontani dei nostri”.

“Le chiedo formalmente a nome del Partito Democratico di aprire i porti e accogliere quelle due navi”, prosegue il presidente del Pd. “Farlo non è un atto discrezionale, non sta al suo buon cuore. Farlo è un atto conseguente ai valori della nostra Costituzione. Costituzione sulla quale, non devo certo ricordarglielo, ella ha giurato”.

“Il governo italiano può sbloccare la situazione in un minuto”, conclude Orfini. “Basta assegnare un porto e accogliervi queste imbarcazioni. Lo faccia”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Per 11 giorni aggrappati al timone di una petroliera: tre migranti sopravvivono alla traversata dalla Nigeria alle Canarie
Esteri / Migranti, ancora tensioni Francia-Italia: “Roma apra i suoi porti alle Ong, altrimenti niente ricollocamenti”
Migranti / Francia, respinti 123 migranti fatti sbarcare dalla Ocean Viking dopo il rifiuto dell’Italia
Ti potrebbe interessare
Esteri / Per 11 giorni aggrappati al timone di una petroliera: tre migranti sopravvivono alla traversata dalla Nigeria alle Canarie
Esteri / Migranti, ancora tensioni Francia-Italia: “Roma apra i suoi porti alle Ong, altrimenti niente ricollocamenti”
Migranti / Francia, respinti 123 migranti fatti sbarcare dalla Ocean Viking dopo il rifiuto dell’Italia
Migranti / Migranti, Piantedosi: “Navi ong violano le leggi, legittimo considerare il loro passaggio non inoffensivo”
Migranti / Migranti, la Ocean Viking sbarcherà in Francia: “Caso eccezionale, scelta incomprensibile dell’Italia”
Migranti / Neonato di 20 giorni morto a largo di Lampedusa, la madre: “Volevo portarlo in Italia per farlo curare”
Migranti / Migranti, Meloni risponde alla Francia: “Rispettate tutte le regole. Bizzarra la scelta dei medici sugli sbarchi”
Cronaca / Migranti, dalla nave Geo Barents sbarcheranno tutti. Medici senza frontiere: “A bordo urla e pianti di gioia”
Migranti / Migranti, Piantedosi: “Sui diritti umani non accettiamo lezioni da nessuno”
Cronaca / Rapporto Migrantes, sempre più giovani all’estero: “L’Italia ristagna nelle sue fragilità”