Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:23
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Migranti: il corpo di una donna abbracciata al suo bambino trovato in fondo al mare

Immagine di copertina
Le ricerche dei superstiti del naufragio avvenuto a largo di Tripoli, il 25 aprile 2022. Credit: Khaled Habashiti/Xinhua via ZUMA Press

Migranti: il corpo di una donna abbracciata al suo bambino trovato in fondo al mare

Più di 30 corpi annegati in circostanze misteriose, destinati a rimanere in fondo al mare. Un caso che probabilmente rimarrà irrisolto quello dell’incidente avvenuto al largo del Libano lo scorso aprile, quando un barcone su cui si trovavano circa 80 migranti si è scontrato con un’imbarcazione della marina libanese. Ieri la squadra che voleva far luce sull’accaduto, tentando di recuperare i corpi delle vittime, ha infatti rinunciato alla missione a seguito di una comunicazione della stessa marina libanese.

Dopo essere stata informata dell’impossibilità di continuare per non meglio precisati “rischi di sicurezza”, l’ong australiana AusRelief e il suo sommergibile hanno lasciato le acque del Libano.

Prima di porre fine alla missione, la squadra guidata da Tom Zreika era riuscita a portare in superficie  i resti di alcune persone, che si erano però disfatti sotto gli occhi dei soccorritori. Tra i resti individuati dalla missione, quelli di una donna e del suo bambino, stretti in un abbraccio che ha commosso la squadra di AusRelief. “C’era una donna laggiù, il cui corpo è rimasto incastrato a metà fuori da un oblò, mentre teneva suo figlio. Quello ha spezzato il cuore a tutti”, ha raccontato a Reuters Zreika, a sua volta fuggito dal Libano con la madre negli anni ’70. “Mi ha ricordato come mi avrebbe tenuto mia madre”, ha aggiunto.

Dopo il naufragio, avvenuto il 24 aprile scorso, alcuni superstiti avevano accusato i militari libanesi di aver speronato appositamente la nave. Un’accusa smentita dalla marina, anche se le circostanze in cui è avvenuto l’incidente restano ancora da chiarire. Gli avvocati dei familiari delle vittime hanno chiesto che venga aperta un’inchiesta internazionale.

L’operazione di recupero, iniziata negli scorsi giorni, è dovuta a un’iniziativa privata, anche se si si stava svolgendo sotto il coordinamento formale della marina militare libanese. La missione è infatti nata con una raccolta fondi sostenuta da una rete di familiari delle vittime, residenti perlopiù in Australia. Sull’imbarcazione, partita da un villaggio vicino alla città libanese di Tripoli, erano presenti circa 80 persone di cittadinanza libanese, siriana e palestinese. Solo 40 sono stati salvati.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La provocazione di Putin: Edward Snowden diventa cittadino russo
Esteri / Gas, perdite nei gasdotti Nord Stream 1 e 2: “Danni deliberati”
Esteri / Patrick Zaki, ipotesi prolungamento processo
Ti potrebbe interessare
Esteri / La provocazione di Putin: Edward Snowden diventa cittadino russo
Esteri / Gas, perdite nei gasdotti Nord Stream 1 e 2: “Danni deliberati”
Esteri / Patrick Zaki, ipotesi prolungamento processo
Esteri / In fuga da Putin, le autorità della Finlandia: “Oltre 7mila russi entrati lunedì dalla frontiera”
Esteri / Medvedev: “La Russia ha il diritto di usare le armi nucleari se necessario, la Nato non interferirà”
Esteri / DART: la missione spaziale per deviare gli asteroidi che minacciano la Terra
Esteri / Cuba approva con un referendum il codice delle famiglie: le coppie omosessuali potranno sposarsi e adottare
Esteri / Russia, neonazista apre il fuoco in una scuola: almeno 13 morti, tra cui 7 bambini
Esteri / Trionfo Meloni, esultano Orban e Le Pen: “Vittoria meritata”. Premier Borne: “Vigileremo sul rispetto dei diritti umani”
Esteri / Iran: uccisa con 6 proiettili la 20enne Hadis Najafi mentre manifestava per Mahsa Amini