Covid ultime 24h
casi +24.991
deceduti +205
tamponi +198.952
terapie intensive +125

Migliaia di migranti evacuati a causa di un incendio sull’isola di Lesbo

Prima che divampassero le fiamme c'erano state tensioni all'interno del campo profughi, dove il grave sovraffolamento rende le condizioni di vita mediocri

Di TPI
Pubblicato il 20 Set. 2016 alle 08:58 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 19:42
0
Immagine di copertina

Migliaia di persone sono dovute evacuare quando un incendio è divampato in un campo profughi sull’isola greca di Lesbo nella serata di lunedì 19 settembre 2016.

I vigili del fuoco stanno indagando sulle cause delle fiamme, ma sembra che prima che scoppiasse l’incendio ci fossero tensioni palpabili tra gli ospiti del campo.

Le condizioni di vita all’interno dei campi profughi sono mediocri e la Grecia sta cercando di ridurre il sovraffollamento nei centri sulle sue isole, anche se l’afflusso di migranti è calato rispetto allo scorso anno limitando i nuovi arrivi.

Ci sono oltre 13.500 migranti e rifugiati sulle cinque isole greche prossime alla Turchia, ma la loro capacità sarebbe di meno della metà. In particolare, sull’isola di Lesbo ci sono circa 5.650 migranti e rifugiati, ma le strutture di accoglienza ne potrebbero ospitare solo 3.500.

In tutto sono circa 60mila i migranti bloccati in Grecia e la maggior parte ha dovuto affrontare un pericoloso viaggio attraverso il Mediterraneo per sfuggire a guerre e povertà in Medio Oriente e Africa.

La situazione di incertezza e le lunghe attese per l’espletamento delle procedure relative alle domande di asilo frustrano i richiedenti asilo e possono innescare episodi di rabbia e violenza.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.