Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Il Messico chiede a Papa Francesco di scusarsi per il ruolo della Chiesa nella conquista spagnola

Immagine di copertina
The Conquest of Tenochtitlan

Il presidente del Messico Andrés Manuel López Obrador ha inviato una lettera a papa Francesco in cui sollecita la Chiesa cattolica a chiedere scusa per le “atrocità” che i popoli indigeni hanno dovuto subire durante la Conquista spagnola del 1521. Lo riferiscono i media messicani.

La notizia arriva dopo che le autorità messicane hanno rimosso – ufficialmente per un restauro – una statua di Cristoforo Colombo a Città del Messico, due giorni prima di una manifestazione intitolata ‘Stiamo per abbatterla’ indetta da alcuni attivisti per oggi, lunedì 12 ottobre, anniversario della scoperta dell’America.

La lettera, datata 2 ottobre, ma postata su Twitter sabato dal presidente, è stata consegnata al pontefice dalla moglie di López Obrador, Beatriz Gutiérrez Müller, che si è di recente recata in visita in Vaticano. Durante l’incontro, a nome del governo messicano sono stati chiesti in prestito tre preziosi codici delle culture mesoamericane (Maya, Azteca e Olmeca) da esporre durante i festeggiamenti nel 2021 del Bicentenario dell’indipendenza del Messico.

López Obrador ha rinnovato la proposta, già avanzata in passato, che la Chiesa cattolica, insieme alla monarchia spagnola e allo Stato messicano, offrano le proprie scuse ai popoli indigeni per il saccheggio e la sottomissione realizzata 500 anni fa, sostenendo che si tratterebbe di “un atto di umiltà e allo stesso tempo di grandezza” da parte dell’istituzione religiosa. Oltretutto, il gesto rivendicherebbe la lotta di padre Hidalgo, considerato uno degli iniziatori della Guerra di indipendenza messicana il 16 settembre 1810.

Il 12 ottobre in Messico si celebra il Giorno del Razza, in riconoscimento del patrimonio misto indigeno ed europeo del Paese. Negli ultimi mesi gli attivisti di varie città degli Stati Uniti hanno demolito e vandalizzato statue in onore di Colombo, sostenendo che simboleggiano il genocidio e lo sfruttamento dei nativi americani.

La Chiesa cattolica ha svolto un ruolo chiave durante la colonizzazione spagnola delle Americhe, sostenendo le missioni per convertire gli indigeni al cristianesimo. Nel 2015 papa Francesco ha chiesto scusa alla Bolivia per il ruolo della Chiesa nell’oppressione in America Latina durante l’epoca coloniale spagnola.

Leggi anche: 1. Papa Francesco: “Più donne nei posti di responsabilità della Chiesa” /2. “Fratelli Tutti”, il messaggio di solidarietà al mondo nella terza enciclica di Papa Francesco

Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Esteri / Il precedente Eagleton: quando il senatore democratico rinunciò alla corsa alla vicepresidenza degli Usa
Esteri / Altri quattro anni? Cosa succederebbe se Joe Biden vincesse le elezioni presidenziali negli Stati Uniti
Esteri / Reportage TPI – Così il turismo si è mangiato il Costa Rica
Esteri / Iran: Usa condannati a pagare quasi 6,8 mld dlr per gli effetti delle sanzioni sui pazienti affetti da una malattia rara
Esteri / Orban incontra Trump: “Abbiamo discusso di pace: risolverà tutto lui” | VIDEO
Esteri / Nuova gaffe di Biden, al vertice Nato presenta Zelensky chiamandolo Putin
Esteri / Gaza: 32 morti in 70 raid dell'Idf. Media: "4 operatori umanitari stranieri uccisi in un raid a Rafah". Biden assicura: "Progressi verso un accordo di tregua". Media: "Passi avanti sulla riapertura del valico di Rafah". Ma l'ufficio di Netanyahu smentisce: “Nessun ritiro delle truppe dal confine". Hamas vuole una garanzia scritta che la guerra non riprenderà dopo la liberazione degli ostaggi. Il 19 luglio la Corte de L'Aja si pronuncerà sulle conseguenze giuridiche dell'occupazione dei Territori palestinesi