Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:25
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Dmitry Medvedev: Russia pronta a usare l’atomica anche senza l’uso di armi nucleari Nato

Immagine di copertina

Dopo i tentativi falliti di conquistare una città al sud dell’Ucraina (qui gli ultimi aggiornamenti), il Cremlino ha sollevato nuovamente lo spettro dell’atomica e il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu ha ribadito che l’allerta nucleare è una priorità. In un’intervista al Guardian, l’ex presidente russo Dmitry Medvedev – oggi vice capo del consiglio di sicurezza del Paese – ha elencato nel dettaglio sotto quali condizioni la Russia sarebbe pronta a rispondere con l’uso di armi nucleari.

Il primo caso, dice, è se le la Russia venisse colpita da un missile nucleare. Nel secondo caso, risponderebbe se lei o un suo alleato venissero colpiti da qualsiasi altro tipo di armamento nucleare; il terzo caso è rappresentato da un attacco contro un’infrastruttura critica che paralizzerebbe le forze di deterrenza nucleare, mentre il quarto – e ultimo – caso sarebbe un atto d’aggressione commesso contro la Russia e i suoi alleati che metta a rischio l’esistenza stessa del Paese, anche senza l’uso di bombe atomiche – ovvero senza l’uso di armi convenzionali.

Secondo l’ex ambasciatore americano in Russia e analista Michael McFaul, si tratterebbe complessivamente di buone notizie, poiché nessuna nelle condizioni è presente, e tantomeno presa in considerazione, dall’Alleanza Atlantica. “La Nato non attaccherà mai preventivamente la Russia, né metterebbe mai in discussione l’esistenza stessa del Paese” sostiene McFaul. Quello che invece Medvedev non ha detto, e bisognerebbe dunque tenere in maggior considerazione,  è se “la Nato inviasse jet da combattimenti all’Ucraina” e “se la Russia iniziasse a perdere terreno in Ucraina.” Secondo l’analista infatti, se comparato alla dottrina russa precedente all’invasione dell’Ucraina, l’intervento di Medvedev non sposta una virgola rispetto alle condizioni sotto cui la Russia utilizzerebbe le sue armi atomiche.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Esteri / Il precedente Eagleton: quando il senatore democratico rinunciò alla corsa alla vicepresidenza degli Usa
Esteri / Altri quattro anni? Cosa succederebbe se Joe Biden vincesse le elezioni presidenziali negli Stati Uniti
Esteri / Reportage TPI – Così il turismo si è mangiato il Costa Rica
Esteri / Iran: Usa condannati a pagare quasi 6,8 mld dlr per gli effetti delle sanzioni sui pazienti affetti da una malattia rara
Esteri / Orban incontra Trump: “Abbiamo discusso di pace: risolverà tutto lui” | VIDEO
Esteri / Nuova gaffe di Biden, al vertice Nato presenta Zelensky chiamandolo Putin
Esteri / Gaza: 32 morti in 70 raid dell'Idf. Media: "4 operatori umanitari stranieri uccisi in un raid a Rafah". Biden assicura: "Progressi verso un accordo di tregua". Media: "Passi avanti sulla riapertura del valico di Rafah". Ma l'ufficio di Netanyahu smentisce: “Nessun ritiro delle truppe dal confine". Hamas vuole una garanzia scritta che la guerra non riprenderà dopo la liberazione degli ostaggi. Il 19 luglio la Corte de L'Aja si pronuncerà sulle conseguenze giuridiche dell'occupazione dei Territori palestinesi