Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Medemer, il messaggio unificante di Abiy Ahmed

Immagine di copertina

Questa parola che ha accompagnato l'operato del premier è un termine amarico che significa "stare insieme"

Da quando è entrato in carica poco più di un anno fa, il premier etiope Abiy Ahmed ha fatto la storia e letteralmente sconvolto la politica del suo Paese, arrivando oggi a essere insignito del Nobel per la pace.

In pochi avevano immaginato le sue possibilità di diventare Primo ministro e ancor meno avevano anticipato le riforme radicali che avrebbe portato in un Paese che per anni era stato guidato dal pugno di ferro del Fronte Democratico Rivoluzionario del Popolo Etiope.

Il suo risultato più significativo è stato porre fine a un’aspra disputa sul confine con l’Eritrea, arrivando persino a recarsi in visita nella capitale dell’Eritrea, Asmara, dove ha ricevuto un benvenuto particolarmente caloroso, in un segno di come sia popolare tra molti cittadini stanchi di due decenni di ostilità tra i due Paesi.

Ma anche in modo significativo è il ruolo che ha svolto nel portare la pace nella regione del Corno d’Africa, dal Sudan alla Somalia e Gibuti, che a volte hanno avuto dispute sui confini.

Per tutto il tempo Abiy Ahmed ha diffuso un messaggio chiamato “Medemer”, un termine amarico che significa “stare insieme” ma anche “incisività”. Questa parola è stata usata dal premier per invitare alla sinergia tra i diversi cittadini dell’Etiopia, un Paese composto da un notevole numero di etnie diverse e che negli anni ha dovuto affrontare scontri e divisioni interne.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Russia: il giornalista del Wsj Evan Gershkovich è stato incriminato per spionaggio
Esteri / Migranti: la Corte di Giustizia Ue multa l’Ungheria per il mancato rispetto del diritto d’asilo. Il premier Orban: “Inaccettabile”
Esteri / L’ultima minaccia dell’ex presidente russo Medvedev: “Dobbiamo dare ai nemici dell’Occidente tutti i possibili tipi di armi, tranne quelle nucleari (per ora)!”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Russia: il giornalista del Wsj Evan Gershkovich è stato incriminato per spionaggio
Esteri / Migranti: la Corte di Giustizia Ue multa l’Ungheria per il mancato rispetto del diritto d’asilo. Il premier Orban: “Inaccettabile”
Esteri / L’ultima minaccia dell’ex presidente russo Medvedev: “Dobbiamo dare ai nemici dell’Occidente tutti i possibili tipi di armi, tranne quelle nucleari (per ora)!”
Esteri / L’allarme dell’Unhcr: oltre 120 milioni di sfollati in tutto il mondo
Esteri / Gaza: 37.232 morti dal 7 ottobre, oltre 85mila i feriti. Libano: Idf bombarda obiettivi di Hezbollah. Il gruppo risponde con una pioggia di 100 razzi: "2 feriti". Tel Aviv convoca il Gabinetto di sicurezza. Il G7 teme un'escalation. Yemen, un razzo colpisce un mercantile diretto a Venezia: è in fiamme
Esteri / L'Armenia si ritirerà dall'alleanza militare con la Russia
Esteri / Francia, Macron attacca i Repubblicani per l'alleanza con Le Pen. Caos nel centrodestra: Ciotti espulso
Esteri / Ucraina: Kiev apre alla partecipazione della Russia al prossimo vertice di pace
Esteri / Hong Kong: annullati i passaporti di sei attivisti per la democrazia rifugiatisi nel Regno Unito
Esteri / Il Papa ripete l’espressione omofoba: “In Vaticano c’è troppa frociaggine”