La mascherina che ti dice se hai il Coronavirus: il progetto di Harvard

Di Anna Ditta
Pubblicato il 15 Mag. 2020 alle 15:46
84
Immagine di copertina
Una donna alla fermata dell'autobus con la mascherina indossata. Genova, 25 Marzo 2020. ANSA/LUCA ZENNARO

La mascherina che ti dice se hai il Coronavirus: il progetto di Harvard

Una mascherina dotata di sensori che rileva se chi la indossa è stato contagiato dal Coronavirus: è l’idea a cui stanno lavorando i ricercatori di Harvard e del Massachusetts Institute of Technology (Mit). L’obiettivo è quello di creare un segnale fluorescente sulla mascherina come allerta di positività. I sensori erano già stati creati per l’Ebola nel 2014, ha spiegato a Business Insider James Collins, docente di bioingegneria al Mit ed al Wyss Institute dell’università di Harvard. Il progetto “è in una fase molto iniziale”, precisa Collins, ma i risultati sono promettenti. La stessa tecnologia ha già dimostrato di essere efficace con la Sars, l’epatitice C e altri virus.

“Quando parliamo, emettiamo una buona quantità di vapore. Se sei infetto, emani anche particelle virali, non solo nella tosse e nello starnuto, ma anche quando parli, in piccole goccioline e nel vapore”, ha spiegato il professore. “L’idea è che mentre indossi una mascherina, entro 2-3 ore potresti avere un responso sul fatto di essere infetto o meno. Ad esempio, facendo in modo che la mascherina emetta un’emissione di fluorescenza nel caso di un test positivo”.

L’idea degli studiosi è che le goccioline saliva e il vapore, se infetti, dovrebbero attivare degli estratti liofilizzati e consentire la reazione di fluorescenza rilevabile con un dispositivo portatile di basso costo. Gli stessi ricercatori che stanno lavorando a questo progetto avevano pubblicato uno studio su questa mascherina nel 2016 dopo aver adattato la tecnologia al virus Zika.

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

Leggi anche:

1. L’assurdo divieto di respirazione bocca a bocca nella città dell’utopia virologica / 2. “Io, imprenditore rovinato dal prezzo fissato da Arcuri alle mascherine: lo Stato ci ha abbandonati”/ 3. “E poi ci sono gli artisti, che ci fanno tanto divertire”. Conte, le parole sono importanti / 4. Clementi a TPI: “Il virus non è più aggressivo, è un dato di fatto. Ma certi altri virologi ragionano con gli algoritmi”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

84
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.