Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:16
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Proteste in Iran per Mahsa Amini, la donna morta per una ciocca di capelli

Immagine di copertina

Dure proteste sono andate in scena a Teheran e nel Kurdistan dopo la morte di Mahsa Amini, una donna fermata dalla polizia perché il suo velo lasciava intravedere dei capelli. Dopo l’arresto è stata condotta con altre donne, ree della stessa infrazione, alla stazione di polizia di Vozara. Poche ore dopo, la famiglia è stata informata del suo trasferimento nell’ospedale di Kasra, e tre giorni dopo, il 16 settembre, del decesso.

Gli iraniani scesi in piazza sanno che ad aver causato la morte di Mahsa è la stretta conservatrice del presidente Ebrahim Raissi, eletto a giugno 2021 e del suo ministro per la promozione della virtù, che ha autorizzato la polizia morale a “impartire lezioni di moralità”. La provenienza della ragazza dal Kurdistan iraniano è anche considerata uno dei motivi della brutalità del trattamento che i poliziotti le hanno riservato. Secondo l’associazione Hengaw, proprio nei giorni successivi all’omicidio, 5 manifestanti sarebbero stati uccisi dalla repressione delle manifestazioni, di cui due nella città di Mahsa, Saqqez. Ciononostante sono stati indetti scioperi in 24 città. Nella regione i feriti durante gli scontri di piazza non si rendono in ospedale per paura di essere intercettati dalla polizia.

“La tragica morte di Mahsa Amini e le accuse di tortura e maltrattamenti devono essere indagate in modo rapido, imparziale ed efficace da un’autorità competente indipendente”, ha dichiarato martedì Nada al-Nashif, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani. Denunciando lo Stato che ha già condannato a morte nelle scorse settimane due attiviste lgbtq. Intanto è in corso una campagna mediatica per screditare le proteste, attribuendo i morti a spari di manifestanti.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Aborto, negli Stati Uniti stop in 66 cliniche dopo la sentenza della Corte Suprema
Esteri / Barboncino salta sul telecomando e compra accidentalmente 70 dollari di film per adulti
Esteri / Vladimir Kara-Murza, l’oppositore di Putin incarcerato e accusato di “alto tradimento”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Aborto, negli Stati Uniti stop in 66 cliniche dopo la sentenza della Corte Suprema
Esteri / Barboncino salta sul telecomando e compra accidentalmente 70 dollari di film per adulti
Esteri / Vladimir Kara-Murza, l’oppositore di Putin incarcerato e accusato di “alto tradimento”
Esteri / Russia, la minaccia atomica spaventa le élite militari di Mosca: “Pronti a rovesciare Putin”
Esteri / Parlamento Ue: “Europa prepari risposta in caso di attacco nucleare russo”
Esteri / Il giovane re degli scacchi accusato di aver barato più di 100 volte: forse “guidato con un vibratore”
Esteri / Al via il vertice di Praga: sul tavolo il tetto parziale al prezzo del gas
Esteri / Boom di antidepressivi in Russia dopo la “chiamata alle armi” di Putin: + 120%
Esteri / Forze Ucraina verso Kherson, sul tank russo sventola bandiera bianca. Il video
Esteri / Corea del Nord, nuovo lancio di missili balistici verso Mar del Giappone