Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 10:14
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Sbircia i messaggi di un ragazzino sulla metro e si allarma: manager fa arrestare un pedofilo

Immagine di copertina
Il manager "eroe" Daniel Ollert (Foto Facebook)

Per il coraggioso intervento il 31enne riceverà una medaglia del Ministero dell'Interno tedesco

Il manager che ha salvato il ragazzino dal pedofilo

Il manager Daniel Ollert, di Monaco di Baviera, fa arrestare un pedofilo. Il 31enne ha salvato un ragazzino di 13 anni da un pedofilo. Era seduto accanto al ragazzino in metropolitana e, sbirciando un sms dal telefono del piccolo, si è accorto che stava scrivendo su Whatsapp a un certo “Zio Millie”. E quest’ultimo chiedeva al bambino se voleva abbracciarlo ancora una volta “dietro i container”.

Il messaggio ha insospettito il manager “eroe” che ha deciso quindi di intervenire. Ha attaccato bottone con il tredicenne e poi gli ha chiesto come mai lo zio lo volesse incontrare di nascosto. Il ragazzino a quel punto ha ammesso che la mamma non era al corrente di quegli incontri e anzi doveva restare all’oscuro perché erano appuntamenti segreti.

Ollert ha conquistato la fiducia del ragazzo ed è riuscito a farsi dare il suo numero di telefono, così, appena sceso dal treno ha avvisato la polizia.

Gli agenti hanno indagato immediatamente e hanno scoperto che “Zio Millie” era in realtà Georg H., un pedofilo di 58 anni già noto alle autorità perché aveva già abusato di quattro minorenni.

La polizia quindi si è recata a casa dell’uomo per una perquisizione e ha trovato un hard disk pieno di materiale pedopornografico.

Il pedofilo aveva abusato della nipote

Tra le vittime di Georg H. c’era anche la nipotina di 9 anni. Gli agenti hanno trovato tra i files anche il video di una bambina nuda che piangeva in un bosco chiamando la madre. In sottofondo la voce del pedofilo.

Le indagini hanno permesso di risalire all’episodio di violenza, accaduto nel 2009, durante una festa di paese.

Inoltre, l’uomo aveva abusato anche della figliastra.

Una medaglia per il manager

Grazie all’intervento del manager “eroe” Daniel Ollert, il pedofilo Georg H. è stato condannato a 8 anni e adesso si trova nel centro di correzione dell’ospedale Isar Amper di Monaco.

Il ministro dell’Interno della Bavaria Joachim Herrmann ha deciso di assegnare a Daniel, per il suo coraggioso intervento, la “Medaglia per il contributo alla sicurezza interna“. La riceverà il prossimo 5 settembre.

Violenza sessuale su bambine vicine di casa: arrestato un 29enne pedofilo

Ti potrebbe interessare
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Canada, Trudeau perde la scommessa delle elezioni anticipate: liberali al governo senza maggioranza
Esteri / India, sequestrate tre tonnellate di eroina proveniente dall’Afghanistan
Esteri / Usa: marito e moglie No vax muoiono di Covid, dicevano che il vaccino è “un attacco ai diritti umani”
Esteri / Usa, il video shock degli agenti che frustano migranti al confine con il Messico
Esteri / La donna che sfida i talebani: “Mentre tutti scappano dall’Afghanistan, io ho scelto di rimanere per lottare”
Esteri / Russia, sparatoria all’università di Perm: gli studenti scappano dalle finestre. 8 morti
Esteri / Vince il partito di Putin. Timori su possibili brogli