Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 07:50
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La mamma che ha riscritto il compito sessista della figlia di sei anni

Immagine di copertina

Lynne Polvino ha creato una nuova versione di un'esercizio assegnato a sua figlia Hazel perché era pieno di stereotipi sul ruolo della donna nella famiglia

Lynne Polvino, una donna di New York, stava aiutando sua figlia Hazel di 6 anni con i compiti a casa quando qualcosa nel testo che la bambina doveva compilare ha attirato la sua attenzione.

Hazel doveva inserire i verbi mancanti negli spazi bianchi di un testo precompilato che raccontava la storia di una bambina di nome Lisa.

Proseguendo nella lettura del compito, Lynne si è accorta che la storia narrata era piena di stereotipi sessisti sul ruolo della donna e dell’uomo all’interno della famiglia: la mamma rendeva triste sua figlia lasciandola sola per tornare a lavoro dopo che aveva trascorso molto tempo con lei nei primi anni di vita, e il papà non riusciva a mandare avanti l’organizzazione familiare ed era incapace in cucina.

Più andava avanti con il testo, e più Lynne si rendeva conto che quel compito stava insegnando a sua figlia un modo scorretto di vedere i ruoli familiari.

“Lisa non era felice, sua madre era tornata al lavoro”, si legge nel compito.

Così Lynne ha riscritto il compito per creare una storia felice, in cui la mamma è a lavoro, come normalmente dovrebbe essere, e la bambina non è triste, non si sente sola perché è con il padre, che nel frattempo è riuscito a tenere in ordine la casa e a preparare una buona colazione. La bambina sogna il suo futuro e la sua carriera.

La storia finisce con un’espressione di Lisa che si augura di diventare un’ingegnere come sua madre, o un’insegnante, o qualunque cosa lei vorrà fare.

Il testo rivisto è stato inviato all’insegnante di Hazel che ha ammesso che la storia utilizzata era obsoleta e che in futuro avrebbe cambiato testi.

Lynne ha pubblicato su Facebook i due compiti, quello originale e quello riscritto, ottenendo moltissime visualizzazione e condivisioni. E ha spiegato di aver voluto rielaborare la storia per “riflettere sul tipo di mondo nel quale avrebbe voluto far crescere i propri figli”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Molesta le assistenti di volo e scatta la lite: passeggero legato al sedile con lo scotch e arrestato
Esteri / Si è suicidato uno dei poliziotti che difesero Capitol Hill dall’assalto: è il quarto in 7 mesi
Esteri / Atene assediata dagli incendi: migliaia di abitanti e turisti costretti alla fuga
Ti potrebbe interessare
Esteri / Molesta le assistenti di volo e scatta la lite: passeggero legato al sedile con lo scotch e arrestato
Esteri / Si è suicidato uno dei poliziotti che difesero Capitol Hill dall’assalto: è il quarto in 7 mesi
Esteri / Atene assediata dagli incendi: migliaia di abitanti e turisti costretti alla fuga
Esteri / Cadaveri per le strade, negozi in fiamme e raid aerei: migliaia di civili fuggono dai talebani nel sud dell’Afghanistan
Esteri / Ucraina, uomo si barrica nella sede del governo e minaccia di far esplodere una bomba: arrestato
Esteri / "Quella maledetta esplosione ha ucciso nostra figlia e distrutto la nostra casa"
Esteri / L’Ungheria evoca l’uscita dall’Ue: “Possibile nel 2030, quando dovremo dare più di quanto riceviamo”
Esteri / A Wuhan torna l’incubo lockdown: isolato un quartiere e chiuse le scuole
Esteri / Bielorussia, ritrovato morto impiccato il dissidente anti Lukashenko scomparso a Kiev
Esteri / I sospetti dei media Usa e inglesi sulla vittoria di Jacobs: “La storia è piena di vincitori dopati”