Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 07:15
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Mamma trascorre 5 giorni con la figlia morta: “Voleva fotografarla con la sorellina appena nata”

Immagine di copertina

Mamma fa foto per 5 giorni con la figlia morta

Una mamma fotografa la figlia morta per ben cinque giorni di seguito. La donna è rimasta accanto al corpo di sua figlia, sei anni, dopo la sua morte, grazie a una “camera a bassa temperatura” in un ospedale per bambini.

La mamma fa foto della figlia morta insieme alla figlia viva

Emily Nixon, 25 anni, di Malton, nello Yorkshire del nord, dice che sua figlia Darcy Roger, sei anni, ha messo insieme una vita d’amore in soli cinque giorni, quando Beatrice, la sorellina che desiderava tanto, è nata prematura (due settimane prima del previsto). Il tempo ha dato loro meno di un settimana “per legare, conoscersi”.

Nata con un raro disturbo chiamato Vacterl Association, che colpisce diversi sistemi del corpo, Darcy ha subito 20 operazioni durante la sua breve vita e era in attesa di un intervento chirurgico al cuore quando ha contratto l’infezione che l’ha uccisa il 24 gennaio di quest’anno.

Dopo la morte di Darcy, Emily e il suo compagno hanno trascorso cinque giorni con Darcy in una camera da letto a temperatura controllata al piano interrato del Martin House Hospice for Children, in modo da poter dire addio in modo sereno alla loro piccola.

“Non volevo andarmene alla fine dei cinque giorni”, ha raccontato la mamma. “Volevamo passare del tempo con lei e fare fotografie, tra cui alcune di lei e Bea per mostrarle quando sarà più grande”.

Ricordando come Darcy fosse “al settimo cielo” quando apprese che sarebbe diventata una sorella maggiore, mamma a tempo pieno, Emily racconta: “Era speciale. Darcy è stata così gentile e i ricordi che ho di lei sono stati quando pensava alle altre persone. Le abbiamo dato la paghetta e le abbiamo detto che poteva spenderla per tutto quello che voleva, e lei ha scelto delle pantofole per Bea”.

Ora Emily e il suo compagno, Kristian D’Rosario, hanno lanciato a memoria della figlia un marchio di abbigliamento: Love Darcy Clothing.

Così Emily, ha raccolto più di 3.000 sterline per il Martin House Hospice for Children.

Leggi anche:

> Lydia muore a tre settimane schiacciata nel sonno dal padre di 114 chili

Ti potrebbe interessare
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Esteri / Maxi attacco a Gaza, distrutto palazzo dei media evacuato e i tunnel di Hamas. Finora i morti sono 139
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Ti potrebbe interessare
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Esteri / Maxi attacco a Gaza, distrutto palazzo dei media evacuato e i tunnel di Hamas. Finora i morti sono 139
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Esteri / Un milione di dollari in palio per chi si vaccina: la lotteria dell’Ohio per incentivare i No Vax
Esteri / "Io, scrittore israeliano, vi dico che l'inferno non finirà mai: Israele non sa riconoscere i suoi errori"
Esteri / Nuovi raid su Gaza, tre razzi lanciati dalla Siria. Finora 126 morti
Esteri / “I vaccinati causano infertilità e aborti”: i no-mask pensano addirittura di usare la mascherina
Esteri / In Cambogia migliaia di persone sono rimaste senza cibo e medicine a causa del lockdown
Esteri / Iran, ragazzo di 20 anni decapitato dai suoi familiari perché gay
Esteri / L’uomo con 151 figli e 16 mogli: “Il mio lavoro è soddisfarle sessualmente”