Covid ultime 24h
casi +10.874
deceduti +89
tamponi +144.737
terapie intensive +73

Indiana, madre inietta materiale fecale nella flebo del figlio autistico malato di leucemia: condannata

Di Marco Nepi
Pubblicato il 30 Dic. 2019 alle 16:10 Aggiornato il 30 Dic. 2019 alle 16:11
84
Immagine di copertina

Madre inietta materiale fecale nella flebo del figlio malato: condannata

Una madre ha iniettato del materiale fecale nella flebo di suo figlio malato di cancro, provocandogli una grave infezione. È successo nell’Indiana, Stati Uniti, e la donna, Tiffany Alberts, è stata condannata a 7 anni di carcere e 5 di libertà vigilata. L’accusa per la Alberts, di mestiere insegnante, è di tentato omicidio.

Suo figlio, un adolescente affetto da autismo, stava subendo un trattamento per guarire il suo male, la leucemia. E proprio mentre si sottoponeva ad una seduta di chemioterapia sua madre avrebbe inserito nella flebo del materiale fecale, portando il ragazzo a contrarre delle pericolose infezioni. L’allerta sarebbe scattata su segnalazione dei suoi medici, i quali non riuscivano a spiegarsi come mai il ragazzo fosse tornato in ospedale, dopo le cure per il tumore, con dei gravi sintomi di sepsi e un’importante infezione batterica.

Dato il mistero, i medici hanno installato delle telecamere nella stanza del ragazzo, le quali hanno portato alla luce la verità: a provocare l’infezione del ragazzo è stata proprio sua madre, Tiffany. La donna, che si era ritrovata vedova con un figlio autistico, non avrebbe retto alla notizia della leucemia di suo figlio e ha compiuto questo gesto estremo, cioè il tentato omicidio di suo figlio.

Attualmente il ragazzo sta proseguendo con la chemioterapia e, secondo i medici, ci sono ottime possibilità di guarigione dal suo male. I fatti risalgono al 2016, ma la condanna per sua madre è arrivata solo in questi giorni.

Leggi anche:

Usa: madre tortura il figlio di 3 anni e gli taglia i genitali con delle pinze

Cancellata la corsa Uber ordinata dalla madre, il figlio uccide quattro autisti

84
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.