Usa: madre tortura il figlio di 3 anni e gli taglia i genitali con delle pinze

A scoprire gli abusi è stata la polizia, che si è introdotta nell'appartamento della donna per un controllo antidroga

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 4 Ott. 2019 alle 07:30 Aggiornato il 4 Ott. 2019 alle 07:32
707
Immagine di copertina

Usa: madre tortura il figlio di 3 anni e gli taglia i genitali con delle pinze

Taglia i genitali del figlio di 3 anni con le pinze e lo tortura vietandogli di mangiare: è il trattamento che una madre 29enne ha riservato al suo piccolo.

L’orribile vicenda è avvenuta nella città di Fairmont, in Virginia, negli Usa e ha visto protagonista Brittany Nicole Lippincott.

Secondo quanto ricostruito dal Times West Virginian, gli abusi della donna nei confronti del figlio sono stati scoperti per caso dalla polizia.

Le forze dell’ordine, infatti, si sono introdotte nell’appartamento della donna per un controllo antidroga. Gli agenti, infatti, avevano ricevuto una soffiata sul fatto che la donna detenesse sostanze stupefacenti nella sua abitazione.

Una volta entrati, però, l’attenzione della polizia si è concentrata sul figlio di 3 anni di Brittany.

Il piccolo, infatti, era rinchiuso in una stanza chiusa a chiave, con la sola biancheria intima addosso. Presentava dei lividi e lesioni ai genitali: quando gli agenti gli hanno chiesto cosa fosse successo, il ragazzino ha risposto “mamma l’ha fatto con le pinze”.

Inoltre, il bambino era malnutrito. Secondo quanto raccontato dal bambino, infatti, la mamma lo faceva sedere al tavolo per mangiare, salvo poi dirgli che non era il suo turno. Il bambino, dunque, rimaneva a guardare la madre mangiare, mentre lui moriva di fame.

Arrestata, la donna ha tentato di attribuire le condizioni del figlio a una malattia, poi ha ammesso le torture. Attualmente si trova in carcere con l’accusa di abusi su minore. Il piccolo, invece, è stato successivamente ricoverato in ospedale e ora sta meglio.

Uccide il figlio di 6 anni: “Era posseduto dal demonio”

707
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.