Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 13:17
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Lufthansa sospende i voli verso il Venezuela

Immagine di copertina

La compagnia aerea tedesca ha stabilito che per il momento non volerà più in Venezuela a causa della profonda crisi economica che colpisce il paese sudamericano

Lufthansa ha annunciato che a partire dal 18 giugno sospenderà temporaneamente i voli verso il Venezuela a causa della crisi economica che colpisce il paese sudamericano.

“Dal 18 giugno saremo costretti a sospendere la nostra tratta in servizio tra Caracas e Francoforte”, si legge in un comunicato della compagnia tedesca.

Lufthansa ha anche aggiunto che la richiesta per i voli verso il Venezuela è diminuita considerevolmente nel 2015 e nel primo trimestre del 2016. La compagnia non intende in ogni caso chiudere la sua sede operativa a Caracas per il momento. 

Il Venezuela è alle prese con una profonda recessione economica e il più alto tasso d’inflazione globale, il che ha reso i viaggi all’estero pressoché impossibili per la maggior parte dei venezuelani.

— Con un’inflazione valutata intorno all’800 per cento, l’economia venezuelana sta letteralmente implodendo. L’analisi di Rossana Miranda dell’ISPI su TPI 

Anche American Airlines, lo scorso marzo, ha interrotto il volo diretto tra New York e Caracas per via della scarsa richiesta.

Per molti anni, le compagnie aeree internazionali hanno avuto diverse difficoltà a fare affari con la valuta locale venezuelana, il bolivar, per via dell’alta inflazione che colpisce il paese. Anche per questo hanno talvolta imposto ai passeggeri di pagare in dollari.

A fine aprile il presidente venezuelano Nicolas Maduro ha ordinato ai funzionari pubblici di lavorare solo due giorni a settimana, il lunedì e il martedì, per risparmiare energia elettrica.

A fine maggio la Coca-Cola ha reso noto di aver fermato la sua produzione in Venezuela a causa della scarsa reperibilità dello zucchero.

— LEGGI: I FRIGORIFERI VUOTI DEL VENEZUELA PER LA CRISI ENERGETICA

— LEGGI: I PREZZI SURREALI DEL VENEZUELA 


Ti potrebbe interessare
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Ti potrebbe interessare
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"
Esteri / Quattro podcast che raccontano quattro storie di giovani donne afghane
Esteri / Dalla conversione all’Islam ai precedenti: chi è l’attentatore di Kongsberg armato di arco e frecce
Esteri / Incendio in un grattacielo a Taiwan, almeno 46 morti
Esteri / Libano, violenti scontri a Beirut: almeno 5 morti e 30 feriti