Covid ultime 24h
casi +31.758
deceduti +297
tamponi +215.886
terapie intensive +97

Londra, polizia spara a uomo armato di coltello. L’Isis rivendica l’attentato

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 2 Feb. 2020 alle 16:30 Aggiornato il 4 Feb. 2020 alle 10:13
63
Immagine di copertina

Londra, polizia spara a uomo armato di coltello. L’Isis rivendica l’attentato

Aggiornamento 3/02: L’Isis ha rivendicato gli accoltellamenti di ieri a Londra. La rivendicazione è arrivata su un organo di propaganda dello Stato Islamico.

Domenica 2 febbraio un uomo ha accoltellato più persone a Londra prima di essere ucciso dalla polizia che ha parlato di “atto di terrorismo“.

L’uomo è stato ucciso dal fuoco di agenti di polizia nella zona di Streatham, a sud della capitale britannica, dopo aver accoltellato e ferito alcune persone, riferisce Scotland Yard, definendo l’episodio un atto di terrorismo.

Sono tre le persone ferite nell’attacco terroristico di oggi a Streatham High Road, alla periferia di Londra, e portate in ospedale dai soccorritori. Lo riferisce in serata il London Ambulance Service. Al momento non risulta che nessuno sia in pericolo di morte. Le due vittime più gravi sarebbero state attaccate in un negozio, la terza persona per strada.

Scotland Yard indica la pista del terrorismo di matrice “islamica” come possibile movente dell’aggressore che oggi ha seminato il panico a sud di Londra accoltellando tre persone. Lo ha detto un funzionario della polizia della capitale britannica, precisando inoltre che il gilet sospetto che il terrorista aveva indosso – come a voler minacciare un attentato suicida – si è rivelato in effetti una falsa minaccia, senza potenziale esplosivo.

Secondo quanto riferisce la Bbc, l’attentatore era “sotto sorveglianza attiva” della polizia al momento dell’attacco. Non è chiaro se l’uomo abbia improvvisato l’aggressione quando ha capito che stava per essere fermato o se gli agenti siano entrati in azione dopo il repentino accoltellamento da parte dell’uomo di due avventori all’interno di una farmacia e di almeno una terza persona fuori, fra cui una donna.

A differenze di altri attacchi analoghi recenti, l’ultimo da parte di un militante jihadista vicino a London Bridge a fine 2019, questa volta l’episodio è avvenuto in un’area periferica della città, ma comunque affollata. Per l’esattezza nella principale strada dei negozi del quartiere, lungo Streatham High Street.

I dettagli sull’attentatore

L’uomo che ha seminato il terrore indossava qualcosa di simile a un gilet-bomba, forse falso. Lo riportano testimoni citati da Sky New. Lo stesso era capitato a fine 2019, quando l’ex detenuto jihadista Usman Khan – indossando un giubbotto esplosivo poi rivelatosi finto – aveva compiuto un attacco nell’area di London Bridge uccidendo due giovani. Anche Khan, come l’aggressore di oggi, era stato poi freddato dal fuoco della polizia

I video

Circolano già decine di video su Twitter postati da testimoni che hanno assistito all’attacco con coltello a Streatham.

Nei video si vedono persone a terra, assistite da altri passanti, e la polizia che apre il fuoco contro l’autore dell’attacco. Nella zona si vede un grande dispiegamento di mezzi della polizia e ambulanze.

***Notizia in aggionamento

Leggi anche: 

Attacco a Londra, uomo accoltella passanti: ucciso dalla polizia. 3 morti. “Il killer legato a gruppi di matrice islamica”

63
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.