Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:59
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

“Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo

Immagine di copertina

“Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo

“La Russia è responsabile dell’assassinio di Aleksander Litvinenko” l’ex spia avvelenata nel 2006 con il polonio 210, un isotopo radioattivo raro. Lo ha dichiarato la Corte europea dei diritti dell’uomo (Cedu), condannando Mosca a risarcire di 100.000 euro Marina Litvinenko, che aveva presentato un ricorso contro il governo russo.

La corte di Strasburgo ha dichiarato che è stato stabilito “al di là di ogni ragionevole dubbio” che l’assassinio è stato compiuto dall’ex guardia del corpo del KGB Andrei Lugovoy e da un altro cittadino russo, Dmitri Kovtun, dicendosi d’accordo con le conclusioni di un’indagine britannica del 2016, che aveva ricondotto l’uccisione a un’operazione presumibilmente condotta dall’Fsb, i servizi segreti russi.

“L’operazione pianificata e complessa che prevedeva il reperimento di una sostanza velenosa rara e mortale, l’organizzazione del viaggio per i due e i ripetuti e prolungati tentativi di somministrare il veleno indicano che Litvinenko è stato l’obiettivo dell’operazione”, ha aggiunto.

Tra i sette componenti del collegio che si è pronunciato sulla vicenda, solamente il giudice russo Dmitri Dedov si è detto contrario alla decisione, affermando che l’analisi fatta dall’inchiesta britannica e dalla Cedu presenta “molte carenze”.

Il Cremlino, che ha sempre negato ogni coinvolgimento nella morte di Litvinenko, ha definito “infondate” le conclusioni della corte di Strasburgo. “La Cedu difficilmente ha l’autorità o la capacità tecnologica per possedere informazioni in materia”, ha detto il portavoce Dmitri Peskov. “Non ci sono ancora risultati da questa indagine e fare affermazioni del genere è quantomeno infondato”, ha aggiunto.

Secondo l’inchiesta britannica, l’Fsb era stata informata dell’inizio della collaborazione di Litvinenko con i servizi britannici. L’ex spia russa, fortemente critica del presidente russo Vladimir Putin, aveva ricevuto la cittadinanza britannica un mese prima della sua morte, avvenuta il 23 novembre 2006.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Ti potrebbe interessare
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"