Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 06:00
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Chi è Lina Khan, la nuova dirigente dell’Antitrust americano che fa tremare le Big Tech

Immagine di copertina
Lina Khan Credits: Instagram

Il presidente Usa Joe Biden ha nominato Lina Khan a capo della Federal Trade Commission (FTC). Secondo il Financial Times, la decisione di mettere Khan alla guida della commissione che deve giudicare sulle possibili pratiche anticoncorrenziali delle aziende è un segnale dell’intenzione dell’amministrazione di Biden di assumere una posizione più aggressiva nei confronti delle grandi aziende tecnologiche: da Amazon a Facebook alle altre.

Chi è la nuova presidente dell’Antitrust

Ma chi è Lina Khan? Ha 32 anni, è nata a Londra da genitori pachistani ma è negli Stati Uniti da quando aveva undici anni. Ha studiato a Yale e già da ricercatrice si fece conoscere. Perché nella rivista edita a cura dell’ateneo, pubblicò un lungo articolo-saggio intitolato: Amazon ed il paradosso dell’antitrust. Ebbe una vastissima eco e le Big Tech cominciarono a temerla. Adesso Khan insegna alla Columbia Law School ed è stata consigliera del commissario della FTC Rohit Chopra, nominata direttore della Consumer Financial Protection Bureau, l’ufficio dedicato alla protezione dei consumatori nel settore finanziario.

Il suo pensiero contro le Big Tech

Alla vigilia del lockdown ha pubblicato un altro studio. Dove non ha usato mezzi termini per descrivere la situazione: “Una manciata di piattaforme digitali domina il commercio e le comunicazioni online. Strutturando l’accesso ai mercati, queste aziende fungono da guardiani solo per il proprio modello di business”. La sua analisi è che negli ultimi decenni, l’anti trust americano abbia avuto come unico faro quello di garantire al pubblico, tariffe e servizi al minor costo possibile. Facendo contenti tutti: chi acquistava a meno e le imprese monopolistiche che quei servizi vendevano. Così l’occhio della FTC è stato meno vigile nei confronti dei colossi che hanno prima “vampirizzato”le piccole concorrenti e poi si sono trasformati in un mondo chiuso, impenetrabile. Che scelgono cosa vendere, come vendere, a chi vendere e a chi far vendere.

Se le leggi avessero funzionato come previsto, insomma, quei colossi già da tempo sarebbero stati costretti a “separare” le loro attività. Non puoi essere un negozio e nello stesso tempo decidere quale fornitore può trovare posto nella tua vetrina, non puoi decidere che ospiti rivenditori e poi li “taglieggi” con commissioni salatissime. Non puoi essere un social network e, nello stesso tempo, negozio, televisione, banca, edicola. Se le leggi avessero funzionato, insomma, ci sarebbe stata una normale concorrenza. Invece, secondo Lina Khan, i legislatori ed i controllori preposti hanno via via “attenuato” e abbandonato gli obbiettivi iniziali dell’antitrust.

Lo scorso aprile, poi, aveva detto al Senato americano di essere preoccupata per il modo in cui le società tecnologiche utilizzano il loro potere per dominare mercati nuovi, adiacenti a quelli “classici”. E lo scorso dicembre ha aperto una causa nei confronti di Facebook, accusandola di mantenere il suo monopolio sul segmento dei social network attraverso una condotta anti-competitiva.

I commenti

Bastano questi pochi concetti per capire perché le grandi compagnie non hanno preso bene la sua nomina. Anche se sollecitati dai giornalisti, Amazon, Facebook, Alphabet e Apple non hanno voluto rilasciare una parola di commento. Hanno fatto parlare però la Information Technology and Innovation Foundation, una delle tante sigle che raggruppano l’industria tecnologica.

Secondo questa sorta di confindustria americana, la nomina della Kham sarebbe il sintomo di una crescente “agenda populista” di Biden. Di più, mettendo le mani avanti: se andassero avanti i progetti della nuova presidente “l’innovazione potrebbe subire un rallentamento” e alla fine chi ci rimetterebbe sarebbero i consumatori. Che non potrebbe più beneficiare “delle grandi economie di scala”. Insomma, le Big Tech tirano in ballo lo spauracchio dell’aumento dei prezzi per i consumatori. La battaglia è appena cominciata.

Ti potrebbe interessare
Esteri / “È un terrorista”: Tokyo, atleta iraniano accusato dopo l’oro nella pistola
Esteri / Donna di 60 anni ruba diamanti per 5 milioni di euro con un gioco di prestigio
Esteri / Donna israeliana dona un rene a un bambino di Gaza: “Ma la politica non c’entra”
Ti potrebbe interessare
Esteri / “È un terrorista”: Tokyo, atleta iraniano accusato dopo l’oro nella pistola
Esteri / Donna di 60 anni ruba diamanti per 5 milioni di euro con un gioco di prestigio
Esteri / Donna israeliana dona un rene a un bambino di Gaza: “Ma la politica non c’entra”
Esteri / Teologo musulmano critica i completi delle pallavoliste turche: “Siete sultani della fede, non dello sport”
Esteri / Variante Delta, Fauci: “Vaccinati o no, la contagiosità dei positivi è identica”
Esteri / Obbligo di vaccino per i dipendenti Google e Facebook
Esteri / A che punto è la crisi politica in Tunisia: Said licenzia 20 alti funzionari di governo
Economia / Effetto Covid, per tornare in ufficio i lavoratori londinesi chiedono un aumento di stipendio
Esteri / In Germania è iniziata ufficialmente la quarta ondata di Covid
Esteri / Influencer di giorno, narcotrafficante di notte: arrestata la 19enne "Miss Cracolandia"