Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:01
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Alcuni raid statunitensi hanno ucciso 17 militanti dell’Isis in Libia

Immagine di copertina

I bombardamenti sono i primi degli Stati Uniti nel paese da quando Trump si è insediato alla Casa Bianca

Il 22 settembre gli Stati Uniti hanno effettuato una serie di raid aerei contro un campo d’addestramento del sedicente Stato Islamico in Libia. La notizia è stata diffusa due giorni dopo dall’esercito statunitense.

Gli attacchi hanno avuto luogo in un’area a 240 chilometri a sud-est di Sirte e sono stati autorizzati dal presidente Donald Trump, dopo la richiesta del segretario alla Difesa Jim Mattis.

Nei sei bombardamenti dei droni sono state uccise 17 persone e distrutte tre vetture. In base a quanto affermato dagli ufficiali americani, all’interno del sito colpito erano stipati armi e vari tipi di equipaggiamento da impiegare in possibili attacchi.

I raid aerei sono stati i primi condotti dagli Stati Uniti in Libia da quando Donald Trump è diventato presidente.

Il giorno precedente l’insediamento del presidente alla Casa Bianca, più di 80 militanti del sedicente Stato Islamico erano stati uccisi da una serie di attacchi aerei statunitensi contro campi d’addestramento fuori Sirte. Secondo fonti dell’esercito statunitense, alcuni di loro stavano preparando attentati in Europa.

Tra agosto 2016 e dicembre dello stesso anno sono stati 495 gli attacchi aerei portati avanti dagli Stati Uniti per spingere l’Isis fuori dai confini di Sirte.

Ufficialmente, Sirte è stata liberata a dicembre 2016 dopo sei mesi di campagna guidata dalle brigate di Misurata con il supporto dell’esercito statunitense. I raid del 22 settembre sono la prova che l’Isis, nonostante le sconfitte degli ultimi mesi, è ancora operativo nella regione.

In Libia potrebbero esserci ancora diverse centinaia di membri dell’organizzazione jihadista, nascosti nelle vaste aree fuori dal controllo politico. Qui starebbero pianificando nuovi attentati e mandando combattenti nei paesi vicini.

Dopo la presa di Sirte all’inizio del 2015, i militanti dell’Isis avevano trasformato la città libica nel loro quartier generale fuori dal Medio Oriente, ospitando e addestrando numerosi foreign fighters.

Amanda J. Dory, funzionaria del Pentagono, aveva recentemente affermato che in Libia “vi sono diversi segni di riorganizzazione in corso da parte dei militanti dell’Isis”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Il Pallone “spia” cinese diventa un caso: il segretario di Stato Usa Blinken rinvia il viaggio a Pechino
Esteri / Irlanda, l’etichetta sul vino “nuoce alla salute” arriverà in 2-3 mesi
Esteri / Voleva uccidere la regina Elisabetta, si dichiara colpevole di tradimento
Ti potrebbe interessare
Esteri / Il Pallone “spia” cinese diventa un caso: il segretario di Stato Usa Blinken rinvia il viaggio a Pechino
Esteri / Irlanda, l’etichetta sul vino “nuoce alla salute” arriverà in 2-3 mesi
Esteri / Voleva uccidere la regina Elisabetta, si dichiara colpevole di tradimento
Esteri / È morto lo stilista spagnolo Paco Rabanne: aveva 88 anni
Esteri / Putin e la velata minaccia nucleare: “Chi pensa di vincere contro di noi si sbaglia. Non useremo solo mezzi blindati”
Esteri / Ucraina, nascondeva un milione di dollari nel divano letto: ex viceministro della Difesa indagato
Esteri / Pallone spia cinese avvistato in spazio aereo Usa
Esteri / Ragazza di 18 anni trovata morta in un bosco: era scomparsa dopo aver litigato con un uomo
Esteri / Tel Aviv, genitori abbandonano neonato al check-in dell’aeroporto perché non avevano il suo biglietto
Esteri / Singapore, uomo fa causa a una donna perché non vuole uscire con lui: “Mi ha rovinato la reputazione”