Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:05
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il 2015 ha visto il più basso grado di libertà nel mondo da dieci anni a questa parte

Immagine di copertina

Un'ong statunitense, Freedom House, ha riportato i dati relativi alle libertà concesse ai cittadini nei paesi del mondo, offrendo un quadro decisamente negativo

Secondo l’organizzazione non governativa statunitense
Freedom House, che si occupa di diritti umani, il 2015 è stato l’anno peggiore
da dieci anni a questa parte per quanto riguarda la libertà nel mondo.

Secondo l’ong, “Il mondo nel 2015 ha visto diverse crisi che
hanno fomentato sentimenti xenofobi in diversi paesi democratici e hanno
portato i regimi autoritari ad aumentare la repressione del dissenso”.

Freedom
House
fa l’esempio della guerra in Siria e il rallentamento della crescita
economica in Cina, entrambi in grado di influire sulle libertà individuali in
molti altri paesi del mondo che risentono di questi sconvolgimenti.

L’ong ha pubblicato alcune statistiche in cui si dividono i
paesi del mondo in “liberi”, “parzialmente liberi” e “non liberi” attraverso 25
diversi indicatori.

Una mappa dei paesi più liberi, con il livello “100” considerato il massimo grado di libertà.


Negli ultimi dieci anni, i paesi definiti “liberi” sono
scesi dal 46 al 44 per cento, mentre i “non liberi” sono aumentati dal 24 al 26
per cento.

La percentuale di paesi “liberi”, “parzialmente liberi” e “non liberi” dal 1985 al 2015.


Nonostante ci siano stati paesi che hanno visto aumentare il
proprio grado di libertà, come il Myanmar dopo la vittoria di Aung San Suu Ky,
così come per il Venezuela e l’Argentina, mentre l’Africa continua a rimanere
il continente che vede la maggior presenza di nazioni considerate “non libere”.
La Scandinavia, al contrario, si afferma come l’area del mondo che vede il
maggior grado di libertà per i suoi abitanti.

I paesi che hanno perso e guadagnato più libertà nel 2015.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Grecia, da gennaio obbligo vaccinale per gli over 60: multe di 100 euro al mese per i trasgressori
Esteri / Variante, in Nigeria Omicron presente già a ottobre
Esteri / Unhcr: al via la campagna per salvare 3,3 milioni di rifugiati dal gelo invernale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Grecia, da gennaio obbligo vaccinale per gli over 60: multe di 100 euro al mese per i trasgressori
Esteri / Variante, in Nigeria Omicron presente già a ottobre
Esteri / Unhcr: al via la campagna per salvare 3,3 milioni di rifugiati dal gelo invernale
Esteri / Bradley Cooper minacciato nella metropolitana di New York: “Aggredito con un coltello”
Esteri / AIRL, a Roma il Gala dell’amicizia italo-libica: “Che sia l’inizio di una nuova vita, di una stretta collaborazione”
Esteri / Variante, nel Regno Unito torna l’obbligo di mascherina nei luoghi e sui mezzi pubblici
Esteri / Austria, morto di Covid l’esponente No Vax Biacsics: aveva tentato di curarsi con clisteri di candeggina
Esteri / Usa, sparatoria in una scuola del Michigan: 15enne apre il fuoco sui compagni. Morti 3 studenti
Cronaca / L'a.d. di Moderna: “Vaccini meno efficaci contro Omicron"
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda