Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:33
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il 2015 ha visto il più basso grado di libertà nel mondo da dieci anni a questa parte

Immagine di copertina

Un'ong statunitense, Freedom House, ha riportato i dati relativi alle libertà concesse ai cittadini nei paesi del mondo, offrendo un quadro decisamente negativo

Secondo l’organizzazione non governativa statunitense
Freedom House, che si occupa di diritti umani, il 2015 è stato l’anno peggiore
da dieci anni a questa parte per quanto riguarda la libertà nel mondo.

Secondo l’ong, “Il mondo nel 2015 ha visto diverse crisi che
hanno fomentato sentimenti xenofobi in diversi paesi democratici e hanno
portato i regimi autoritari ad aumentare la repressione del dissenso”.

Freedom
House
fa l’esempio della guerra in Siria e il rallentamento della crescita
economica in Cina, entrambi in grado di influire sulle libertà individuali in
molti altri paesi del mondo che risentono di questi sconvolgimenti.

L’ong ha pubblicato alcune statistiche in cui si dividono i
paesi del mondo in “liberi”, “parzialmente liberi” e “non liberi” attraverso 25
diversi indicatori.

Una mappa dei paesi più liberi, con il livello “100” considerato il massimo grado di libertà.


Negli ultimi dieci anni, i paesi definiti “liberi” sono
scesi dal 46 al 44 per cento, mentre i “non liberi” sono aumentati dal 24 al 26
per cento.

La percentuale di paesi “liberi”, “parzialmente liberi” e “non liberi” dal 1985 al 2015.


Nonostante ci siano stati paesi che hanno visto aumentare il
proprio grado di libertà, come il Myanmar dopo la vittoria di Aung San Suu Ky,
così come per il Venezuela e l’Argentina, mentre l’Africa continua a rimanere
il continente che vede la maggior presenza di nazioni considerate “non libere”.
La Scandinavia, al contrario, si afferma come l’area del mondo che vede il
maggior grado di libertà per i suoi abitanti.

I paesi che hanno perso e guadagnato più libertà nel 2015.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Dalla Polonia al Brasile: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Regno Unito, la regina Elisabetta II ha trascorso la notte in ospedale: è la prima volta in 8 anni
Esteri / Ecco come Amazon trucca i risultati di ricerca per favorire i propri brand e schiacciare le piccole imprese
Ti potrebbe interessare
Esteri / Dalla Polonia al Brasile: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Regno Unito, la regina Elisabetta II ha trascorso la notte in ospedale: è la prima volta in 8 anni
Esteri / Ecco come Amazon trucca i risultati di ricerca per favorire i propri brand e schiacciare le piccole imprese
Esteri / Il business militare di Amazon con Israele rischia di reprimere i palestinesi: vi sveliamo come
Esteri / “Una persona è vecchia quando si sente tale”: la regina Elisabetta rifiuta il premio “Anziani dell’anno”
Esteri / Facebook cambierà nome: presto l’annuncio ufficiale
Esteri / Le femministe fanno causa a Miss France: “Spettacolo sessista e discriminatorio”
Esteri / Regno Unito, torna a fare paura il Covid: oltre 200 morti al giorno e 43mila casi. Sotto osservazione nuova mutazione
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa