Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 04:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Libano, violenti scontri a Beirut: almeno 5 morti e 30 feriti

Immagine di copertina
Credit: Foto social

A Beirut, in Libano, sono in corso violente proteste. La Croce Rossa libanese riferisce di cinque morti e circa trenta feriti. La violenza è scoppiata nel corso di una manifestazione per chiedere la rimozione del giudice Tarek Bitar, incaricato di condurre le indagini sull’esplosione nel del porto della capitale dell’agosto 2020. Disastro che provocò 200 morti.

I principali oppositori del giudice sono i sostenitori di Hezbollah, il gruppo politico e militante libanese sostenuto dall’Iran. L’avversione si deve ai recenti provvedimenti di Bitar che questa settimana ha emesso un mandato di arresto per l’ex ministro delle finanze Ali Hassan Khalil, un alto funzionario del partito Amal, alleato di Hezbollah. Bitar ha anche emesso mandati di arresto per il legislatore Nouhad Machnouk, alleato dell’ex primo ministro Saad Hariri ed ex ministro dell’Interno. Lunedì 11 ottobre il capo di Hezbollah Hassan Nasrallah ha espresso parole dure contro il giudice, accusato di essere “politicizzato”.

Da Beirut arrivano immagini di guerriglia urbana, barricate e manifestanti armati. Ai militari è stato dato l’ordine di sparare a chiunque imbracci un’arma. “È chiaro – sostiene un alto rappresentate di Hezbollah – che a sparare contro i manifestanti sono gruppi armati organizzati che pianificavano questo attacco da tempo”. Partecipano allo scontro anche i militanti armati del movimento sciita Amal che, secondo quanto riferisce un giornalista Ansa sul posto, hanno sparato almeno due granate da lanciarazzi contro l’esercito libanese.

Il premier libanese, Najib Mikati, ha lanciato un appello alla calma in un comunicato, chiedendo “l’arresto dei responsabili”. Le autorità hanno fatto sapere che il presidente Michel Aoun è in contatto con il ministro dell’Interno e il capo dell’esercito per decidere le misure necessarie per calmare la situazione.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Raid di Israele su Rafah: ventidue morti tra i quali nove bambini
Esteri / Influenza aviaria, la preoccupazione dell’Oms per la trasmissione tra umani
Esteri / Media: “Hamas valuta l’ipotesi di lasciare il Qatar”. Bombardata in Iraq una base filo-iraniana
Ti potrebbe interessare
Esteri / Raid di Israele su Rafah: ventidue morti tra i quali nove bambini
Esteri / Influenza aviaria, la preoccupazione dell’Oms per la trasmissione tra umani
Esteri / Media: “Hamas valuta l’ipotesi di lasciare il Qatar”. Bombardata in Iraq una base filo-iraniana
Esteri / Israele ha lanciato un attacco contro l’Iran: colpita una base militare a Isfahan. Media: “Teheran non pianifica una ritorsione immediata”. Blinken: "Usa non coinvolti"
Esteri / Germania, arrestate due spie russe che preparavano sabotaggi
Esteri / Brasile, porta il cadavere dello zio in banca per fargli firmare un prestito: arrestata
Esteri / Michel: “Iran è una minaccia non solo per Israele, va isolato”. Teheran: “Potremmo rivedere la nostra dottrina nucleare di fronte alle minacce di Israele”
Esteri / La scrittrice Sophie Kinsella: “Ho un cancro al cervello, sto facendo chemioterapia”
Esteri / Serie di attacchi di Hezbollah al Nord di Israele: 18 feriti. Tajani: “G7 al lavoro per sanzioni contro l’Iran”. Netanyahu: “Israele farà tutto il necessario per difendersi”
Esteri / Copenaghen, distrutto dalle fiamme gran parte dell’edificio della Borsa | VIDEO