Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 20:12
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Libano, violenti scontri a Beirut: almeno 5 morti e 30 feriti

Immagine di copertina
Credit: Foto social

A Beirut, in Libano, sono in corso violente proteste. La Croce Rossa libanese riferisce di cinque morti e circa trenta feriti. La violenza è scoppiata nel corso di una manifestazione per chiedere la rimozione del giudice Tarek Bitar, incaricato di condurre le indagini sull’esplosione nel del porto della capitale dell’agosto 2020. Disastro che provocò 200 morti.

I principali oppositori del giudice sono i sostenitori di Hezbollah, il gruppo politico e militante libanese sostenuto dall’Iran. L’avversione si deve ai recenti provvedimenti di Bitar che questa settimana ha emesso un mandato di arresto per l’ex ministro delle finanze Ali Hassan Khalil, un alto funzionario del partito Amal, alleato di Hezbollah. Bitar ha anche emesso mandati di arresto per il legislatore Nouhad Machnouk, alleato dell’ex primo ministro Saad Hariri ed ex ministro dell’Interno. Lunedì 11 ottobre il capo di Hezbollah Hassan Nasrallah ha espresso parole dure contro il giudice, accusato di essere “politicizzato”.

Da Beirut arrivano immagini di guerriglia urbana, barricate e manifestanti armati. Ai militari è stato dato l’ordine di sparare a chiunque imbracci un’arma. “È chiaro – sostiene un alto rappresentate di Hezbollah – che a sparare contro i manifestanti sono gruppi armati organizzati che pianificavano questo attacco da tempo”. Partecipano allo scontro anche i militanti armati del movimento sciita Amal che, secondo quanto riferisce un giornalista Ansa sul posto, hanno sparato almeno due granate da lanciarazzi contro l’esercito libanese.

Il premier libanese, Najib Mikati, ha lanciato un appello alla calma in un comunicato, chiedendo “l’arresto dei responsabili”. Le autorità hanno fatto sapere che il presidente Michel Aoun è in contatto con il ministro dell’Interno e il capo dell’esercito per decidere le misure necessarie per calmare la situazione.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Ti potrebbe interessare
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"