Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:13
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

A più di un anno dalle esplosioni di Beirut, il Libano forma un nuovo governo

Immagine di copertina
Credit: Xinhua/Bilal Jawich

A più di un anno dalle esplosioni di Beirut, il Libano forma un nuovo governo

Dopo più di un anno di stallo il Libano avrà un nuovo governo, che sarà guidato da uno degli uomini più ricchi del paese. A 13 mesi dalle devastanti esplosioni che hanno distrutto parte di Beirut e hanno costretto alle dimissioni il suo predecessore, Najib Mikati ha oggi annunciato dal palazzo presidenziale libanese di Baabda di aver ottenuto l’approvazione del presidente della Repubblica Michel Aoun per formare il governo. La nomina di Mikati, che ha ricevuto l’incarico a luglio dopo la rinuncia dell’ex primo ministro Saad al-Hariri, segue mesi di negoziati tra le forze politiche che per decenni hanno guidato il paese, sempre più vicino al collasso economico.

Mikati ha dichiarato che cercherà di riprendere i colloqui con il Fondo monetario internazionale, per tentare di scongiurare la catastrofe, dopo le violenze scoppiate in diverse parti del paese ad agosto a causa delle carenze di carburante. Il Libano, già il terzo paese più indebitato al mondo prima della pandemia, sta affrontando la peggiore crisi economica e valutaria dalla fine della guerra civile 30 anni fa. Secondo quanto dichiarato da Mikati, il paese non potrà più permettersi i sussidi all’acquisto di benzina importata a causa della scarsa disponibilità di valuta estera.

La formazione di un nuovo esecutivo era la condizione necessaria richiesta dalla comunità internazionale, in particolare dalla Francia e dall’Unione Europea (Ue), per sbloccare gli aiuti internazionali per tentare di far uscire l’economia libanese dalla crisi. Il governo potrebbe però avere durata breve: Mikati ha infatti dichiarato che intende rispettare tenere in tempo le elezioni parlamentari previste per la prossima primavera.

Il magnate delle costruzioni e delle telecomunicazioni, già primo ministro nel 2005 e dal 2011 al 2013, guiderà un gruppo di 24 ministri, divisi tra esponenti cristiani e musulmani sunniti e sciiti. Durante le trattative per formare il governo Mikati, sunnita proveniente dalla città settenttrionale di Tripoli, ha ottenuto il sostegno del movimento islamico sciita Hezbollah e dal partito sciita Amal, guidato dal presidente del parlamento Nabih Berri, oltre all’ex primo ministro Saad al-Hariri, un sunnita. Hezbollah, considerato un gruppo terroristico dagli Stati Uniti, ha espresso due dei 24 ministri del nuovo governo.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Caricabatterie unico, arriva il sì definitivo del parlamento europeo: entro il 2024 l’obbligo per i device portatili
Esteri / Fondi comuni, parità di condizioni e trasparenza: l’Ue frena Berlino per lo scudo anti-rincari
Esteri / William e Harry, l’inedito retroscena sulla frattura definitiva nella Royal Family
Ti potrebbe interessare
Esteri / Caricabatterie unico, arriva il sì definitivo del parlamento europeo: entro il 2024 l’obbligo per i device portatili
Esteri / Fondi comuni, parità di condizioni e trasparenza: l’Ue frena Berlino per lo scudo anti-rincari
Esteri / William e Harry, l’inedito retroscena sulla frattura definitiva nella Royal Family
Esteri / “Putin si prepara a un test nucleare al confine ucraino”, dice il Times
Esteri / Trump denuncia la Cnn per diffamazione: chiesti 475 milioni di dollari di risarcimento
Esteri / La falla di Nordstream 2 si è allargata, secondo la guardia costiera svedese
Esteri / Missile balistico nordcoreano sorvola il Giappone: cittadini invitati a ripararsi nei rifugi
Esteri / Quattro writer italiani arrestati in India: imbrattati due bus
Esteri / Italiana arrestata in Iran, si muove la Farnesina
Esteri / Liberato Baquer Namazi, ex responsabile Unicef detenuto in Iran insieme al figlio