Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:12
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Usa: 4 anni dopo l’esecuzione di un uomo, i test rivelano DNA di un’altra persona sull’arma del delitto

Immagine di copertina
Ledell Lee

Dopo 4 anni dall’esecuzione di Ledell Lee nuovi test scientifici del Dna eseguiti sull’arma del delitto rivelano materiale genetico di un maschio diverso dal detenuto giustiziato. Si era sempre proclamato innocente ma per la legge degli Stati Uniti era colpevole, così l’uomo era stato condannato a morte per l’omicidio e lo stupro di una giovane donna e ucciso con iniezione letale in Arkansas nel 2017. Oggi i nuovi risultati potrebbero rivelare che si è trattato di un enorme errore giudiziario.

Gli avvocati della ong American Civil Liberties Union e l’Innocence Project hanno consegnato i nuovi risultati dei test sulle prove dell’omicidio di Debra Reese, avvenuto nel 1993. La città di Jacksonville, citata in giudizio, l’anno scorso ha accettato di consentire nuovi test sulle impronte digitali e sulle prove del Dna dopo che le due associazioni hanno fatto causa, anche se l’esecuzione di Lee era già avvenuta.

Secondo quanto dichiarato dagli avvocati, i test hanno rivelato materiale del Dna appartenente a un maschio non identificato, diverso da Lee, sulla mazza da baseball usata per uccidere la donna e sulla maglietta insanguinata che era avvolta attorno ad essa. Lo riporta il Washington Post.

“Nessuno dovrebbe essere giustiziato quando esiste la possibilità che quella persona sia innocente”, ha detto l’avvocato Nina Morrison nell’aprile 2017, subito dopo l’esecuzione dell’uomo. Quello di Lee è stato un caso che si basava in gran parte su testimonianze oculari, riporta ancora il Post.

Il governatore dell’Arkansas, Asa Hutchinson, ha difeso l’esecuzione di Lee in una conferenza stampa dicendo che le nuove prove sono “inconcludenti” e ha aggiunto “la giuria lo ha ritenuto colpevole sulla base delle informazioni che aveva”.

“Mentre i risultati ottenuti ventinove anni fa dopo la raccolta delle prove si sono rivelati incompleti e parziali, è da notare che ora ci sono nuovi profili DNA che non erano disponibili durante il processo o il procedimento post-condanna nel caso del signor Lee”, spiegano invece da Innocence Project.

Leggi anche: Chi era Lisa Montgomery, la storia della donna giustiziata in America e cosa ha fatto. “Un’infanzia di stupri e torture”. Il patrigno abusava di lei e la madre la faceva prostituire; // “Quasi la metà degli italiani è favorevole alla pena di morte”

Ti potrebbe interessare
Esteri / “È un terrorista”: Tokyo, atleta iraniano accusato dopo l’oro nella pistola
Esteri / Donna di 60 anni ruba diamanti per 5 milioni di euro con un gioco di prestigio
Esteri / Donna israeliana dona un rene a un bambino di Gaza: “Ma la politica non c’entra”
Ti potrebbe interessare
Esteri / “È un terrorista”: Tokyo, atleta iraniano accusato dopo l’oro nella pistola
Esteri / Donna di 60 anni ruba diamanti per 5 milioni di euro con un gioco di prestigio
Esteri / Donna israeliana dona un rene a un bambino di Gaza: “Ma la politica non c’entra”
Esteri / Teologo musulmano critica i completi delle pallavoliste turche: “Siete sultani della fede, non dello sport”
Esteri / Variante Delta, Fauci: “Vaccinati o no, la contagiosità dei positivi è identica”
Esteri / Obbligo di vaccino per i dipendenti Google e Facebook
Esteri / A che punto è la crisi politica in Tunisia: Said licenzia 20 alti funzionari di governo
Economia / Effetto Covid, per tornare in ufficio i lavoratori londinesi chiedono un aumento di stipendio
Esteri / In Germania è iniziata ufficialmente la quarta ondata di Covid
Esteri / Influencer di giorno, narcotrafficante di notte: arrestata la 19enne "Miss Cracolandia"