Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 12:11
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Le Monde e altre testate francesi non pubblicheranno più foto di terroristi

Immagine di copertina

Il quotidiano d’oltralpe sostiene che tutti gli elementi della società dovranno essere coinvolti nella lotta al terrorismo, in particolare i media

Il quotidiano francese Le Monde ha pubblicato ieri 27 luglio
un editoriale del direttore Jérôme Fenoglio in cui, tra le altre cose, il
giornale annuncia la sua volontà di non pubblicare più immagini ritraenti
responsabili di attacchi terroristici, per evitare ogni tipo di “glorificazione
postuma”.

Dopo l’ultimo omicidio, quello di un anziano sacerdote in
una chiesa vicino a Rouen da parte di due uomini che avevano giurato fedeltà
allo Stato islamico, il quotidiano d’Oltralpe ha titolato il suo editoriale
“Resistere alla strategia di odio”, sostenendo che tutti gli elementi
della società dovranno essere coinvolti nella lotta al terrorismo, in
particolare i media.

Già in passato Le
Monde
aveva attuato strategie simboliche di contrasto del terrorismo attraverso
scelte editoriali precise: inizialmente non pubblicando immagini provenienti da
documenti di propaganda dell’Isis, e ora con la scelta di non offrire
pubblicità ai volti dei terroristi. Secondo il direttore Fenoglio, “lo dobbiamo
alla memoria di padre Jacques Hamel, assassinato nella sua chiesa”.

La stazione televisiva BFM-TV e il giornale cattolico La Croix hanno dichiarato di aver scelto
la stessa linea di condotta. “Abbiamo preso la decisione di non mostrare
più immagini dei terroristi fino a nuovo avviso”, ha detto il direttore di
BFM-TV Hervé Beroud.

La stessa cosa farà Radio Europe 1, ed è previsto che anche
il canale televisivo France 24 faccia lo stesso.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Allarme in Europa: rubate le chiavi per generare Green pass. Nel dark web quello “funzionante” di Hitler
Esteri / Scandalo Facebook, Zuckerberg a un passo delle dimissioni
Esteri / La crisi del Libano: viaggio nel Paese dove la politica settaria tiene in ostaggio la giustizia
Ti potrebbe interessare
Esteri / Allarme in Europa: rubate le chiavi per generare Green pass. Nel dark web quello “funzionante” di Hitler
Esteri / Scandalo Facebook, Zuckerberg a un passo delle dimissioni
Esteri / La crisi del Libano: viaggio nel Paese dove la politica settaria tiene in ostaggio la giustizia
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass
Esteri / Colombia, catturato il narcotrafficante Otoniel. Il presidente Duque: "È il colpo del secolo"
Esteri / Erdogan espelle 10 ambasciatori occidentali tra cui Usa e Francia
Esteri / I vincitori del Wildlife Photographer of the Year 2021
Esteri / Un sistema progettato per evitare la tirannia della maggioranza ha creato la tirannia della minoranza