Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 20:48
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Vaccini al pub (e birra omaggio): così Israele incentiva l’immunizzazione tra i giovani

Immagine di copertina
Credits: Kfir Sivan

Israele, Tel Aviv offre vaccini gratis nei pub per i più giovani

La municipalità di Tel Aviv ha creato punti vaccini all’interno di pub e birrerie per esortare i giovani ad immunizzarsi contro il Covid-19. Lo riporta il Jerusalem Post: uno dei pub “pop up”, il Jenia Bar, giovedì è rimasto aperto fino a a mezzanotte per accelerare la somministrazione del siero anche tra i ragazzi.

Si tratta di una soluzione rivolta a coloro che hanno già ricevuto la prima dose di vaccino, che grazie all’iniziativa potranno completare il processo di immunizzazione in uno dei bar di Tel Aviv che hanno aderito alla campagna.

Giovedì 17 febbraio il Jenia Bar ha somministrato il vaccino gratuitamente e senza che fosse necessario prendere appuntamento. E dopo lo “shot” di siero ha offerto ai vaccinati un buono per acquistare un drink, anche se non è stato possibile sedersi per consumarlo come ai tempi pre-Covid.

Ma l’obiettivo dell’iniziativa è proprio quello di tornare a quei tempi, in linea con la massiccia campagna vaccinale intrapresa dal governo di Benjamin Netanyahu, che da fine dicembre ha già inoculato 6,4 milioni dosi di siero Pfizer su una popolazione di 9 milioni di persone: il 27,7 per cento ha già ricevuto entrambe le dosi, mentre il 42,8 solo la prima.

“Più saremo vaccinati, più saremo in grado di tornare alla normalità e riportare il cuore pulsante della città all’azione. La normalità ora è che dobbiamo andare tutti a farci vaccinare”, ha dichiarato al Jerusalem Post Tomer Moore, CEO della Restaurants Stronger Together Association, che ha aderito all’iniziativa. Un gruppo di volontari si occupa di inoculare le dosi.

“Oggi, soprattutto dopo aver visto l’impatto positivo delle vaccinazioni, tutti capiscono che il modo più veloce e sicuro per tornare alla vita pre-coronavirus, per godersi i bar e ballare nei locali notturni é quello di farsi vaccinare”, ha aggiunto Shlomi Dayan, presidente della Israeli Bar and Nightclub Association.

Leggi anche: Primi passi del G7 sui vaccini ai Paesi poveri: Biden offre 4 miliardi di dollari 2. Covid, i Paesi ricchi fanno razzia dei vaccini: 67 nazioni povere ora rischiano di restare senza

Ti potrebbe interessare
Esteri / Russia, primi risultati delle legislative: il partito di Putin in netto calo, boom dei comunisti
Esteri / Usa, crisi al confine con il Messico: più di 10mila migranti sotto a un ponte in Texas
Esteri / Il Parlamento Ue vuole una legge per contrastare i femminicidi: “È violenza di genere”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Russia, primi risultati delle legislative: il partito di Putin in netto calo, boom dei comunisti
Esteri / Usa, crisi al confine con il Messico: più di 10mila migranti sotto a un ponte in Texas
Esteri / Il Parlamento Ue vuole una legge per contrastare i femminicidi: “È violenza di genere”
Esteri / Papa Francesco: “No vax anche tra i cardinali. Uno è ricoverato. Sì alle unioni civili per gli omosessuali”
Esteri / Instagram danneggia la salute mentale delle adolescenti. Facebook lo sa, ma non fa niente
Esteri / “Il burqa non è nella nostra cultura”: la campagna social delle donne afghane contro i talebani
Ambiente / Mattanza di delfini alle isole Faroe per la tradizionale caccia Grindadrap
Esteri / Israele, morto per Covid il leader dei no vax. Anche dall’ospedale incitava i suoi: “Continuate le proteste”
Esteri / “Dopo l’assalto a Capitol Hill i militari tolsero a Trump l’accesso alle armi nucleari”
Esteri / La Corte europea dei diritti dell’uomo: il green pass “non viola i diritti umani”