Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:41
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Israele mette fine alle restrizioni in vigore sulla donazione del sangue da parte degli omosessuali

Immagine di copertina
Credit: EPA/ATEF SAFADI

Dal 1 ottobre Israele mette fine alle restrizioni in vigore sulla donazione del sangue da parte degli omosessuali. Lo ha annunciato il ministro della sanità Nitzan Horowitz che ha parlato di “fatto storico”. “La discriminazione contro i maschi gay – ha spiegato Horowitz, egli stesso omosessuale – è finita. Quando sono diventato ministro ho ordinato la rimozione delle degradanti e irrilevanti domande previste dal questionario sulla donazione, retaggio di uno di stereotipo che appartiene alla storia. Non c’è differenza tra sangue e sangue”. Il movimento Lgbt israeliano ha ringraziato il ministro per “questa importante decisione”.

Molti paesi, tra cui Israele, proibivano agli uomini omosessuali di donare il sangue per paura che potessero essere portatori dell’HIV, il virus che causa l’AIDS. In Israele è attualmente vietato accettare donazioni di sangue da uomini che hanno avuto rapporti sessuali con altri uomini nei 12 mesi precedenti la donazione. In base alla nuova decisione, la dicitura che apparirà sul questionario sulla donazione del sangue farà riferimento a “fare sesso ad alto rischio” – con partner nuovi o multipli – indipendentemente dall’orientamento sessuale e dal genere. Ai potenziali donatori che riferiscono di essere coinvolti in “sesso ad alto rischio” sarà vietato donare per soli tre mesi.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, crisi al confine con il Messico: più di 10mila migranti sotto a un ponte in Texas
Esteri / Il Parlamento Ue vuole una legge per contrastare i femminicidi: “È violenza di genere”
Esteri / Papa Francesco: “No vax anche tra i cardinali. Uno è ricoverato. Sì alle unioni civili per gli omosessuali”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, crisi al confine con il Messico: più di 10mila migranti sotto a un ponte in Texas
Esteri / Il Parlamento Ue vuole una legge per contrastare i femminicidi: “È violenza di genere”
Esteri / Papa Francesco: “No vax anche tra i cardinali. Uno è ricoverato. Sì alle unioni civili per gli omosessuali”
Esteri / Instagram danneggia la salute mentale delle adolescenti. Facebook lo sa, ma non fa niente
Esteri / “Il burqa non è nella nostra cultura”: la campagna social delle donne afghane contro i talebani
Ambiente / Mattanza di delfini alle isole Faroe per la tradizionale caccia Grindadrap
Esteri / Israele, morto per Covid il leader dei no vax. Anche dall’ospedale incitava i suoi: “Continuate le proteste”
Esteri / “Dopo l’assalto a Capitol Hill i militari tolsero a Trump l’accesso alle armi nucleari”
Esteri / La Corte europea dei diritti dell’uomo: il green pass “non viola i diritti umani”
Esteri / Incendio in Spagna: migliaia di persone in fuga dalle fiamme vicino alla Costa del Sol