Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:18
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Israele mette fine alle restrizioni in vigore sulla donazione del sangue da parte degli omosessuali

Immagine di copertina
Credit: EPA/ATEF SAFADI

Dal 1 ottobre Israele mette fine alle restrizioni in vigore sulla donazione del sangue da parte degli omosessuali. Lo ha annunciato il ministro della sanità Nitzan Horowitz che ha parlato di “fatto storico”. “La discriminazione contro i maschi gay – ha spiegato Horowitz, egli stesso omosessuale – è finita. Quando sono diventato ministro ho ordinato la rimozione delle degradanti e irrilevanti domande previste dal questionario sulla donazione, retaggio di uno di stereotipo che appartiene alla storia. Non c’è differenza tra sangue e sangue”. Il movimento Lgbt israeliano ha ringraziato il ministro per “questa importante decisione”.

Molti paesi, tra cui Israele, proibivano agli uomini omosessuali di donare il sangue per paura che potessero essere portatori dell’HIV, il virus che causa l’AIDS. In Israele è attualmente vietato accettare donazioni di sangue da uomini che hanno avuto rapporti sessuali con altri uomini nei 12 mesi precedenti la donazione. In base alla nuova decisione, la dicitura che apparirà sul questionario sulla donazione del sangue farà riferimento a “fare sesso ad alto rischio” – con partner nuovi o multipli – indipendentemente dall’orientamento sessuale e dal genere. Ai potenziali donatori che riferiscono di essere coinvolti in “sesso ad alto rischio” sarà vietato donare per soli tre mesi.

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Cocaina, marijuana e funghi allucinogeni”: Harry a processo. Visto per gli Stati Uniti a rischio
Esteri / Ungheria, il parlamento ratifica l’adesione della Svezia alla Nato
Esteri / Nord Stream, dopo la Svezia anche la Danimarca chiude le indagini con un nulla di fatto: “È stato un sabotaggio deliberato ma non ci sono le basi per un’azione penale”. La Russia protesta: “Assurdo”
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Cocaina, marijuana e funghi allucinogeni”: Harry a processo. Visto per gli Stati Uniti a rischio
Esteri / Ungheria, il parlamento ratifica l’adesione della Svezia alla Nato
Esteri / Nord Stream, dopo la Svezia anche la Danimarca chiude le indagini con un nulla di fatto: “È stato un sabotaggio deliberato ma non ci sono le basi per un’azione penale”. La Russia protesta: “Assurdo”
Esteri / Caso Navalny, l’entourage: “È stato ucciso perché stava per essere liberato in cambio di un ex ufficiale russo detenuto in Germania”
Esteri / Afghanistan, i talebani riprendono le esecuzioni pubbliche negli stadi: “Giustiziati tre uomini in cinque giorni”
Esteri / Iran: il cantante Mehdi Yarrahi va agli arresti domiciliari
Esteri / Biden: “Il buon sesso è la chiave per il successo di un matrimonio”
Esteri / Usa, soldato si dà fuoco davanti all’ambasciata di Israele: “Non sarò complice di un genocidio”
Esteri / Scambio di colpi tra Hezbollah e le Idf in Libano: 2 morti. Israele chiede le dimissioni del segretario generale Onu
Esteri / Burkina Faso, attentato durante la messa nel nord-est: almeno 15 morti e 2 feriti