Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 20:40
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Israele, elezioni anticipate: si vota ad aprile 2019

Immagine di copertina

Israele, elezioni anticipate ad aprile 2019. La decisione è stata presa dai capi della coalizioni di governo. Ad annunciarlo è stato, su Twitter, il portavoce del primo ministro Benjamin Netanyahu.

Più volte quella che era un’indiscrezione è stata smentita dal premier, ma le trattative tra i capi della coalizione di governo alla fine si sono chiuse con la decisione di andare al voto nei primi mesi del nuovo anno per chiudere così la crisi di governo iniziata a novembre con le dimissioni del ministro della Difesa, Avigdor Lieberman, uscito dal governo in polemica con la tregua con Hamas.

L’incarico di Lieberman era stato assunto – ad interim – dallo stesso Netanyahu che si è poi trovato a dover ricoprire anche il ruolo di ministro dell’Immigrazione dopo l’uscita dal governo dei ministri della destra nazionalista i Ysrael Beiteinu. 

Poi la decisione, per provare a ricomporre lo scontro, di affidare l’incarico di ministro dell’Immigrazione a Yariv Levin, già ministro del Turismo, mantenendo invece le deleghe gli Esteri e alla Salute.

Alla fine, però, le pressioni interne al Likud hanno convinto Netanyahu ad anticipare il voto alla primavera del 2019.

Israele | Le dimissioni di Lieberman

Il ministro della Difesa israeliano, Avigdor Lieberman, si è dimesso mercoledì 14 novembre 2018 dopo aver definito “una resa al terrorismo” il cessate il fuoco raggiunto, martedì 13 novembre, con il movimento islamico palestinese Hamas nella striscia di Gaza grazie alla mediazione di Egitto e Nazioni Unite.

“Non c’è altro modo per chiamarla”, ha detto Lieberman durante la conferenza stampa tenuta alla Knesset al margine della riunione del suo partito Yisrael Beitenu, chiedendo di indire elezioni anticipate nello stato ebraico. Da quel momento il governo di Netanyahu ha iniziato a perdere pezzi.

Le prossime elezioni parlamentari israeliane erano previste per novembre 2019: la mossa di fare uscire il suo partito ultra-nazionalista, Yisrael Beiteinu, dalla coalizione di maggioranza è stata presa anche per il mancato accordo nel governo sulla legge per la leva obbligatoria.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Canada, scoperta una nuova fossa comune di bambini indigeni: resti di 761 persone
Costume / Lettonia, sosia dei Maneskin nella pubblicità della mozzarella e della pizza
Esteri / Scienziato Usa trova prime sequenze del virus: "Cancellate su richiesta dei cinesi"
Ti potrebbe interessare
Esteri / Canada, scoperta una nuova fossa comune di bambini indigeni: resti di 761 persone
Costume / Lettonia, sosia dei Maneskin nella pubblicità della mozzarella e della pizza
Esteri / Scienziato Usa trova prime sequenze del virus: "Cancellate su richiesta dei cinesi"
Esteri / Orban: "La nostra legge non è contro i gay ma sulle famiglie, non la ritiriamo"
Esteri / Miami, crolla palazzo di 12 piani in zona residenziale: “Si temono molte vittime”
Esteri / Morto in carcere il “papà” del primo antivirus per computer
Esteri / Un web designer ha chiamato suo figlio HTML
Esteri / Così il dittatore torna “utile”: l’Ue offre 3,5 miliardi alla Turchia di Erdogan per bloccare i migranti
Esteri / Britney Spears: “Basta tutela paterna, rivoglio la mia vita”. E porta in tribunale la famiglia
Esteri / Scuole bombardate e senza corrente elettrica: a Gaza iniziano gli esami di maturità