Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:51
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Almeno 250 miliziani dell’Isis sono stati uccisi in Iraq in una serie di raid statunitensi

Immagine di copertina

Nei bombardamenti oltre 40 veicoli sono andati distrutti. Se le cifre dovessero essere confermate, si tratterebbe dell'attacco più pesante mai registrato contro l'Isis

Almeno 250 jihadisti del sedicente Stato islamico sono stati uccisi in una serie di raid condotti dalla coalizione a guida statunitense nei pressi della città di Falluja. Nei bombardamenti oltre 40 veicoli sono andati distrutti. 

Se le cifre dovessero essere confermate, si tratterebbe dell’attacco più pesante mai registrato contro l’Isis. Pochi giorni fa l’esercito aveva annunciato la riconquista della città di Falluja, nelle mani dell’Isis dal gennaio del 2014. 

Le perdite territoriali del gruppo jihadista tuttavia non stanno facendo diminuire le preoccupazioni sulla sua capacità di compiere attacchi, soprattutto all’estero. 

La Turchia ha accusato l’Isis di essere il responsabile dell’attacco del 28 giugno all’aeroporto Ataturk di Istanbul. 

John Brennan, il capo della Cia, sostiene che nonostante i recenti successi della coalizione anti-Isis fatti in Siria e in Iraq, ci sia ancora “molta strada da fare prima di essere in grado di dire che abbiamo fatto dei progressi significativi nei loro confronti”. 

Oltre all’offensiva per riconquistare Falluja, anche un altro pesante attacco è stato lanciato contro i miliziani jihadisti nella città di Manbij, nel nord della Siria. 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Twitter cancella 1,5 miliardi di profili ed Elton John lascia il social: “Mi rattrista la disinformazione che fa”
Esteri / Putin: “Raggiungere un accordo sull’Ucraina è inevitabile”
Esteri / Usa-Russia, oggi vertice a Istanbul dopo lo scambio di prigionieri. Il Cremlino: “Le relazioni non sono migliorate”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Twitter cancella 1,5 miliardi di profili ed Elton John lascia il social: “Mi rattrista la disinformazione che fa”
Esteri / Putin: “Raggiungere un accordo sull’Ucraina è inevitabile”
Esteri / Usa-Russia, oggi vertice a Istanbul dopo lo scambio di prigionieri. Il Cremlino: “Le relazioni non sono migliorate”
Esteri / Corruzione dal Qatar: fermati quattro italiani tra cui l’ex deputato Pd Panzeri. Indagata pure la vicepresidente del Parlamento Ue
Esteri / Putin: “L’Occidente usa il popolo ucraino come carne da macello. Kiev è su un percorso suicida“
Esteri / Fenomeno Corea: ecco perché i fan del pop sudcoreano stanno dilagando anche in Occidente
Esteri / Cina: ecco come funzionerà il nuovo sistema di credito sociale
Esteri / Italia, Giappone e Regno Unito sviluppano un nuovo aereo da guerra: sarà più potente degli F-35
Esteri / Proteste in Iran, la denuncia dei medici: “Le donne vengono colpite al volto, al seno e ai genitali”
Esteri / L’Europa si appresta a varare le regole sull’idrogeno verde: ecco perché le lobby sono già in agitazione