Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:34
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Cosa c’entra la donna che sventola il suo hijab con le proteste di piazza in Iran

Immagine di copertina

La foto di una donna che sventola il suo hijab per chiedere che vengano allentate le rigide regole di abbigliamento nel paese ha fatto il giro del mondo. Ecco perché non ha a che fare con le altre proteste che hanno provocato oltre 400 arresti

Una ragazza iraniana senza il velo che sventola il suo ‘hijab’ bianco nel mezzo di una strada affollata è diventata il simbolo delle proteste delle donne che chiedono maggiori diritti, in parallelo alle proteste di altra natura che stanno sconvolgendo il paese.

La donna, un’attivista che si batte contro l’obbligo dell’hijab, è stata arrestata mercoledì 27 dicembre mentre sventolava il suo velo, con i capelli.

Leggi anche: Breve guida per capire cosa sta accadendo in Iran

La giovane aveva aderito a “My stealthy Freedom”, il movimento partito su Facebook e promosso dalla giornalista e attivista iraniana Masih Alinejad, che promuove i diritti delle donne.

Nel luogo dove è stata arrestata la donna, in piazza Enghelab, sono stati lasciati fiori e lettere che esprimono ammirazione per il suo gesto coraggioso.

Le proteste in Iran degli ultimi giorni non sono da confondere, o da associare con quelle delle donne che chiedono l’allentamento delle rigide regole sull’abbigliamento in vigore.

Leggi anche: Dall’hijab al burqa, quali sono tutti i tipi di veli islamici

Come spiega Le monde, la foto che ha fatto il giro del mondo, è antecedente alle massicce proteste scoppiate il 28 dicembre.

La donna che sventola il suo hijab è stata arrestata infatti il giorno prima che si diffondessero le manifestazioni, e il contesto in cui ha sventolato il suo velo bianco non era quello di una manifestazione, come si può notare dal video.

Le manifestazioni di piazza, in cui sono morte 20 persone e ne sono state arrestate oltre 400, hanno beneficiato della foto simbolo e la campagna contro il velo obbligatorio ha beneficiato dell’attenzione dei media riservata alle massicce proteste, ma le motivazioni delle proteste e i contesti sono completamente diversi.


“L’hijab è un problema globale, dal momento che tutte le donne che visitano l’Iran sono costrette a indossarlo”, spiega il movimento.

Le donne che stanno protestando in questi giorni chiedono maggiore eguaglianza, giustizia e diritti.

Sulla pagina Facebook del movimento è stato questo video che riassume anni di proteste delle donne iraniane.

In Iran, il 30 marzo 1979 venne proclamata la Repubblica islamica, la cui costituzione si ispira alla legge coranica shari’a.

Il principale animatore della rivoluzione che portò alla caduta dello Shah Mohammad Reza Pahlavi la figura carismatica dell’Ayatollah Khomeyni.

L’ayatollah Khomeini, l’allora Guida suprema del paese, era decisamente contrario all’occidentalizzazione inaugurata dalla dinastia Pahlavi.

Dal 1979 vennero inaugurate una serie di misure restrittive della libertà delle donne, dalla probizione di alcuni mestieri, come il giudice, a un rigido codice di abbigliamento.

Tutte le donne, simbolo di seduzione, dovevano portare il velo per coprire i capelli ed il corpo ad eccezione della faccia e delle mani, e non potevano usare cosmetici in pubblico. Queste imposizioni sono tuttora in vigore. Chi si mostra in pubblico senza velo rischia il carcere.


Anche altre donne hanno aderito alla campagna, in diverse parti del paese:


Ti potrebbe interessare
Esteri / Russia, sparatoria all’università di Perm: gli studenti scappano dalle finestre. 8 morti
Esteri / Vince il partito di Putin. Timori su possibili brogli
Esteri / Usa, crisi al confine con il Messico: più di 10mila migranti sotto a un ponte in Texas
Ti potrebbe interessare
Esteri / Russia, sparatoria all’università di Perm: gli studenti scappano dalle finestre. 8 morti
Esteri / Vince il partito di Putin. Timori su possibili brogli
Esteri / Usa, crisi al confine con il Messico: più di 10mila migranti sotto a un ponte in Texas
Esteri / Il Parlamento Ue vuole una legge per contrastare i femminicidi: “È violenza di genere”
Esteri / Papa Francesco: “No vax anche tra i cardinali. Uno è ricoverato. Sì alle unioni civili per gli omosessuali”
Esteri / Instagram danneggia la salute mentale delle adolescenti. Facebook lo sa, ma non fa niente
Esteri / “Il burqa non è nella nostra cultura”: la campagna social delle donne afghane contro i talebani
Ambiente / Mattanza di delfini alle isole Faroe per la tradizionale caccia Grindadrap
Esteri / Israele, morto per Covid il leader dei no vax. Anche dall’ospedale incitava i suoi: “Continuate le proteste”
Esteri / “Dopo l’assalto a Capitol Hill i militari tolsero a Trump l’accesso alle armi nucleari”