Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 13:42
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

L’Iran arresta otto persone che pubblicano foto di modelle senza velo su Instagram

Immagine di copertina

Le autorità hanno visionato 300 account sui social media e identificato 170 persone accusate di diffondere messaggi immorali

Lunedì 16 maggio, le autorità iraniane hanno annunciato l’arresto di otto persone legate agli ambienti della moda, accusate di diffondere sui social network immagini e messaggi ritenuti non in linea con i precetti islamici.

Gli arresti sono parte di un’operazione più ampia iniziata nel 2014 e condotta dalla polizia iraniana addetta al controllo e alla sicurezza informatica, con l’intento di frenare la pubblicazione sui social network, in particolare su Instagram, di foto di modelle iraniane non velate. 

Negli ultimi tre anni, hanno precisato le autorità, sono stati esaminati circa 300 account di Instagram e altrettanti account collegati, e sono state identificate 170 persone, tra cui 59 tra fotografi e truccatori, 58 modelli, nonché manager delle agenzie di moda e designer. Tutti accusati di aver contribuito a diffondere messaggi immorali. 

Secondo il procuratore Javad Babaie, il dovere della magistratura è quello di “agire contro coloro che commettono tali crimini”. Quest’ultimo ha poi sottolineato come il 20 per cento dei social network in Iran siano influenzati dalla moda, e che il 60 per cento degli utenti iraniani seguano proprio quelle pagine. 

A tal proposito, occorre ricordare che nella Repubblica islamica Facebook e Twitter sono vietati, anche se grazie all’impiego di proxy gli utenti riescono ad aggirare la censura e connettersi. Mentre Instagram è diventato più popolare perché facilmente accessibile. 

Un portavoce del centro iraniano per la rilevazione e la lotta dei crimini informatici, Mostafa Alizadeh, ha detto che la “sterilizzazione del cyberspazio è una priorità. Nel 2013 abbiamo iniziato questo controllo su Facebook e poi siamo passati a Instagram”. 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Ti potrebbe interessare
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"
Esteri / Quattro podcast che raccontano quattro storie di giovani donne afghane
Esteri / Dalla conversione all’Islam ai precedenti: chi è l’attentatore di Kongsberg armato di arco e frecce
Esteri / Incendio in un grattacielo a Taiwan, almeno 46 morti