Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:49
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Iran, Teheran minaccia di lasciare l’accordo sul nucleare

Immagine di copertina
Ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif

Il ministro degli Esteri ha specificato che Teheran rimarrà nell'accordo solo se le esigenze economiche del paese saranno rispettate

Dopo l’abbandono da parte degli Stati Uniti dell’accordo sul nucleare, l’intesa è sempre più fragile: il 20 novembre 2018 il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif ha affermato che anche Teheran è pronta a lasciare l’accordo “se le sue esigenze economiche non saranno soddisfatte”.

A riferirlo è l’agenzia di stampa iraniana ICANA, che cita le parole pronunciate dal ministro Zarif nel corso di un incontro con l’omologo britannico, Jeremy Hunt.

Tra gli argomenti discussi dai due ministri degli Esteri, anche la possibilità di sottoporre il veicolo finanziario europea SPIRO, l’European Special Financial Mechanism, alla legislazione comunitaria e non nazionale.

In questo modo il paese iraniano spera di riuscire ad aggirare le sanzioni unilaterali imposte a Teheran dagli Stati Uniti.

A maggio del 2018 l’amministrazione Trump ha abbandonato l’accordo sul nucleare firmato nel 2015 dall’allora presidente Obama e il 7 agosto ha introdotto la prima tranche di sanzioni contro l’Iran, colpendo i settori del dollaro, dell’oro, di software per la gestione di processi industriali e di diversi minerali come grafite, metalli grezzi e carbone.

La seconda tranche invece è scattata il 5 novembre e ha colpito i settori delle banche, del petrolio e dei trasporti, interessando anche i paesi che commerciano con l’Iran.

Le esenzioni – Dopo aver introdotto le sanzioni, il presidente americano ha deciso di non penalizzare otto paesi, a cui sarà consentito continuare ad importare petrolio dall’Iran. Si tratta di Italia, Cina, India, Corea del Sud, Turchia, Giappone, Grecia e Taiwan.

Secondo stime interne dell’amministrazione Usa, le esportazioni iraniane si sono già ridotte da 2,7 milioni a 1,6 milioni di barili al mese.

La risposta dell’Ue – Anche il Regno Unito, la Francia, la Germania, la Russia e la Cina hanno aderito all’accordo del 2015 e hanno cercato fino all’ultimo di far cambiare idea al presidente Trump.

I 5 paesi hanno anche promesso di dar vita ad un nuovo sistema di pagamento per mantenere in piedi gli accordi commerciali presi con l’Iran e aggirare le sanzioni statunitensi.

Trump sostiene che i termini dell’accordo sia inaccettabili e che l’Iran è stato comunque in grado di sviluppare un programma di missili balistici e di intervenire nei paesi limitrofi, tra cui Siria e Yemen.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Terremoto politico in Gb, l’ironia del Cremlino: “Speriamo in gente più professionale al governo”. E Medvedev: “Il primo è andato…”
Esteri / Regno Unito, Boris Johnson si dimette: resterà premier fino all’autunno
Esteri / Guerra in Ucraina, Isw: "Primo stop russo da inizio invasione". Zelensky: "Le armi occidentali funzionano a pieno ritmo"
Ti potrebbe interessare
Esteri / Terremoto politico in Gb, l’ironia del Cremlino: “Speriamo in gente più professionale al governo”. E Medvedev: “Il primo è andato…”
Esteri / Regno Unito, Boris Johnson si dimette: resterà premier fino all’autunno
Esteri / Guerra in Ucraina, Isw: "Primo stop russo da inizio invasione". Zelensky: "Le armi occidentali funzionano a pieno ritmo"
Cronaca / Somalia, ucciso da una bomba Omar Hassan: era stato condannato e poi assolto per l’uccisione di Ilaria Alpi
Esteri / Bimbo palermitano di sei anni muore a Sharm el-Sheik, ipotesi intossicazione. Il padre è in terapia intensiva
Esteri / Regno Unito, dimissioni a raffica dal governo Johnson: “Ha le ore contate”
Esteri / Forbes, Rihanna è la più giovane miliardaria degli Stati Uniti. Ma non grazie alla musica
Esteri / Cile, riceve per errore lo stipendio 330 volte, si dimette e fugge: ricercato
Esteri / Estradato dal Brasile il boss Rocco Morabito, deve scontare 30 anni di carcere
Esteri / Guerra in Ucraina, Ankara verso confisca del grano sul cargo russo. Di Maio: "Rafforzamento Nato dimostra fallimento Putin"