Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:44
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Una catena umana lunga 620 km, la protesta delle donne indiane per l’uguaglianza

In India, nello stato meridionale del Kerala, il primo gennaio 2019 milioni di donne hanno formato una catena umana lunga 620 chilometri per protestare contro la disuguaglianza di genere. La manifestazione è stata organizzata per sostenere la sentenza che ha cancellato il divieto storico di accesso al tempio indù Sabarimala alle donne.

Nonostante la Corte Suprema indiana abbia infatti annullato lo scorso settembre il divieto d’ingresso alle donne al tempio, i religiosi integralisti hanno continuato ad attaccare tutte le credenti che tentavano di entrarci.

Al “muro di donne” hanno preso parte anche studenti e dipendenti statali, cui scuole e università hanno concesso il permesso di assentarsi. L’agenzia Press Trust of India riferisce che la manifestazione è stata organizzata anche grazie all’appoggio del governo di sinistra locale del Kerala.

La protesta è nata infatti in un periodo difficile per i diritti religiosi e di genere in Kerala. Il divieto storico che è stato annullato dalla sentenza della Corte Suprema vietava l’ingresso al tempio alle donne in “età mestruale”, definite tali tutte le donne nel range di età tra i 10 e i 50 anni.

In genere la maggior parte dei templi indù vieta l’ingresso alle donne “solo” nel periodo di ciclo mestruale. Alcune comunità indù considerano infatti le donne mestruate impure.

Lo scorso ottobre due donne avevano tentato l’ingresso al tempio, come di diritto, ma sono state fermate dai religiosi integralisti che le hanno attaccate nonostante la protezione degli oltre cento poliziotti che accompagnavano le credenti al luogo di culto.

Il partito indiano Bharatiya Janata (BJP), che ha perseguito un programma nazionalista indù, ha definito la sentenza della Corte “un attacco ai valori tradizionali indù”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass
Ti potrebbe interessare
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass
Esteri / Colombia, catturato il narcotrafficante Otoniel. Il presidente Duque: "È il colpo del secolo"
Esteri / Erdogan espelle 10 ambasciatori occidentali tra cui Usa e Francia
Esteri / I vincitori del Wildlife Photographer of the Year 2021
Esteri / Un sistema progettato per evitare la tirannia della maggioranza ha creato la tirannia della minoranza
Esteri / Senatore eletto coi brogli. Ma neanche ora che è stato scoperto dovrà restituire un euro
Esteri / Esercito Europeo: cos’è, come funziona e chi ne fa parte
Esteri / Scudo spaziale, battaglione da 5.000 unità, cooperazione con la Nato: come sarà l’esercito europeo