Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Incoronazione Re Carlo III: il programma della cerimonia

Immagine di copertina

Incoronazione Re Carlo III: il programma della cerimonia. Cosa succede

Qual è il programma dell’incoronazione di Re Carlo III di oggi, sabato 6 maggio 2023? Un evento planetario che porterà Re Carlo anche a diventare capo della Chiesa Anglicana. La cerimonia all’Abazia di Westminster inizierà alle ore 12 in Italia, e saranno presento circa 2000 ospiti invitati. Sarà una cerimonia solenne ma più breve rispetto a quella di 70 anni fa che vide incoronata la Regina Elisabetta II. Tutti gli eventi sono ben definiti da un rigido programma, noto con il nome in codice di ‘Operazione Golden Orb’. Ecco le varie fasi e cosa succede durante l’Incoronazione di Re Carlo III.

Programma

La cerimonia dovrebbe iniziare intorno alle ore 11, le 12 italiane, presso l’Abbazia di Westminster. Un evento planetario, che sarà seguito anche da tutte le principali tv italiane. Con l’incoronazione Re Carlo III assume anche il ruolo di capo della Chiesa d’Inghilterra. Tuttavia, non è effettivamente necessario che il monarca sia incoronato per diventare re. Edoardo VIII regnò senza incoronazione e Carlo è diventato automaticamente re nel momento in cui è morta la regina Elisabetta II. Carlo salirà al trono completamente vestito d’oro, con un tessuto intagliato a mano. Vediamo insieme il programma.

Carlo III e Camilla si recheranno all’abbazia di Westminster in una carrozza trainata da cavalli relativamente moderna, dotata di finestrini elettrici e aria condizionata. Viaggeranno infatti nel Diamond Jubilee State Coach, costruita per la regina Elisabetta II in occasione dei 60 anni di regno nel 2012, ma usata la prima volta nel 2014. Successivamente torneranno a Buckingham Palace con la Gold State Coach, la carrozza che dal 1831 viene utilizzata per ogni incoronazione. È pesantissima e particolarmente scomoda, a detta della stessa regina Elisabetta che definì “orribile” il viaggio verso l’Abbazia di Westminster.

Sarà dunque una cerimonia a metà tra tradizione e innovazione. Sarà più breve e di dimensioni ridotte rispetto a quella di 70 anni fa della Regina Elisabetta II, nel 1953. La cerimonia prevede diverse fasi:

– Il riconoscimento: mentre si trova accanto alla sedia dell’incoronazione, antica di 700 anni, il monarca viene presentato a coloro che si sono riuniti nell’abbazia dall’arcivescovo di Canterbury. La congregazione grida “God Save the King!” e suonano le trombe.

– Il giuramento: il sovrano giura di regnare secondo la legge, di esercitare la giustizia con misericordia e di mantenere la Chiesa d’Inghilterra.

– L’unzione: la veste cerimoniale del re viene rimossa e si siede sulla sedia di re Edoardo, che è stata usata da ogni monarca dal 1626. Un panno d’oro tenuto da quattro cavalieri della Giarrettiera nasconderanno il re alla vista. L’arcivescovo di Canterbury unge le mani, il petto e la testa del re con olio santo realizzato secondo una ricetta segreta, ma noto per contenere ambra grigia, fiori d’arancio, rose, gelsomino e cannella. L’olio creato per Carlo non conterrà alcun ingrediente derivato da animali. L’arcivescovo utilizzerà l’ampolla a forma di aquila d’oro – che versa l’olio dal becco – e il cucchiaio per unzione in argento dorato del XII secolo, che è il tesoro più antico dei gioielli della corona.

– L’investitura: al sovrano vengono dati alcuni oggetti tra cui il Royal Orb, che rappresenta l’autorità religiosa e morale; lo Scettro, che rappresenta il potere; e lo Scettro del Sovrano, verga d’oro sormontata da una colomba smaltata di bianco, simbolo di giustizia e misericordia. Infine, l’arcivescovo pone la corona di Sant’Edoardo sulla testa del re.

– L‘intronizzazione e l’omaggio: il re lascia quindi la sedia dell’incoronazione e si sposta sul trono, dove i reali andranno a rendergli omaggio. Verrà incoronata anche Camilla come regina. Lunedì 8 maggio sarà anche un giorno festivo per i britannici, ai quali è stato chiesto di festeggiare facendo una donazione a un ente di beneficenza locale.

Il re sarà incoronato con la corona d’oro massiccio di Sant’Edoardo del XVII secolo. È eccezionalmente pesante e viene utilizzata solo al momento dell’incoronazione. Durante la cerimonia la corona di Sant’Edoardo sarà brevemente posta sulla testa del re, contemporaneamente suoneranno le trombe e verranno sparati colpi a salve di pistola in tutto il Regno Unito.

Al termine della cerimonia, per uscire dall’abbazia di Westminster, Carlo porterà sul capo la cosiddetta The Imperiale State Crown, una corona più comoda realizzata nel 1937: è la stessa che usava sua madre in occasione dell’apertura del Parlamento. Camilla sarà invece incoronata con la Queen Mary’s Crown, che è stata portata fuori dalla Torre di Londra per essere modificata prima della cerimonia in onore di Elisabetta II. Sulla corona, infatti, sono state apportate delle pietre appartenenti alla collezione personale della compianta sovrana.

Il re ha scelto personalmente la musica per la cerimonia, che comprende 12 brani appena commissionati, tra cui un inno del compositore di Cats Andrew Lloyd Webber. Parte della cerimonia sarà cantata in gallese e i solisti includeranno il famoso cantante d’opera gallese Sir Bryn Terfel. Ci sarà musica greco-ortodossa in memoria del padre del re, il principe Filippo, nato in Grecia. Si esibirà anche un coro gospel, così come i coristi della Westminster School.

Come in quasi tutte le incoronazioni dal 1066, sarà l’arcivescovo di Canterbury a officiare la cerimonia di incoronazione di Carlo III. L’arcivescovo lo ungerà con l’olio sacro dell’incoronazione e gli porrà sul capo la corona di Sant’Edoardo, incoronandolo ufficialmente re Carlo III. Il monarca occuperà la cosiddetta “sedia dell’incoronazione” con lo scettro e il bastone del sovrano, antico simbolo del suo potere sulla nazione britannica e sul mondo intero per conto della cristianità. Lunedì 8 maggio sarà anche un giorno festivo per i britannici, ai quali è stato chiesto di festeggiare facendo una donazione a un ente di beneficenza locale.

Streaming e diretta tv

Abbiamo visto il programma, ma dove vedere in diretta tv e in streaming la cerimonia dell’incoronazione di Re Carlo III? Si tratta di un evento di portata planetaria, che sarà trasmesso in diretta TV dalla BBC per i cittadini britannici, ma si potrà seguire live anche in Italia. Diretta sabato mattina, 6 maggio 2023, su Rai 1, Canale 5, La7 e Real Time, oltre a finestre sui canali all news come Sky Tg24 e Rai News 24. Su Rai 1 speciale Tg1 che prenderà il via alle 11:45 e terminerà alle 15:30 con uno stacco per l’edizione del telegiornale delle 13:30. Su Rai 2, invece, in prima serata ci sarà un approfondimento con commenti, mentre su RaiNews sono previste finestre sulla Coronation Ceremony durante l’arco di tutta la giornata, così come nei programmi di intrattenimento del day time della TV di Stato.

La diretta dell’incoronazione su Canale 5 avverrà con uno speciale di Verissimo, in collaborazione con la redazione del Tg5. A partire dalle 11:00 circa, Silvia Toffanin presenterà dunque L’incoronazione di Carlo III. Diretta anche su La7 con uno speciale del Tg di Enrico Mentana. Diretta infine anche su Real Time le cui trasmissioni prenderanno il via già alle 8:30 di mattina con il commento di due esperti di Casa Windsor: Francesco Vicario (caposervizio di Gente) e Flavia Cercato, conduttrice televisiva e radiofonica.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bimba si sente male in volo e muore dopo l’atterraggio d’emergenza
Esteri / Inviato Usa: “Evitare una guerra più grande tra Israele e il Libano”. Media: “Almeno 17 morti in un raid di Israele sul campo profughi di Nuseirat”
Esteri / Netanyahu scioglie il gabinetto di guerra dopo l’uscita di Gantz, bombe su Gaza: almeno 6 morti
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bimba si sente male in volo e muore dopo l’atterraggio d’emergenza
Esteri / Inviato Usa: “Evitare una guerra più grande tra Israele e il Libano”. Media: “Almeno 17 morti in un raid di Israele sul campo profughi di Nuseirat”
Esteri / Netanyahu scioglie il gabinetto di guerra dopo l’uscita di Gantz, bombe su Gaza: almeno 6 morti
Esteri / Esplode un blindato a Rafah, muoiono 8 soldati israeliani
Esteri / Il G7 annuncia un prestito da 50 miliardi di dollari all’Ucraina ma l’Europa (e l’Italia) rischia di restare con il cerino in mano
Esteri / Il piano di pace di Putin: "Kiev si ritiri da 4 regioni e rinunci ad aderire alla Nato". Secco no da Usa e Stoltenberg
Esteri / L’incredibile storia dell’ospite indesiderato del New Yorker Hotel
Esteri / Da Gaza a Taiwan, Francesco Maringiò a TPI: “Vi spiego com’è il mondo visto dalla Cina”
Esteri / Reportage TPI: Belfast è lo specchio del conflitto in Medio Oriente
Esteri / L’eterno conflitto tra Israele e Palestina in Medio Oriente