Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:39
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Motiur Rahman Nizami, storico leader islamico in Bangladesh, è stato giustiziato

Immagine di copertina

Era accusato di genocidio e di collaborazionismo con il Pakistan durante la guerra di indipendenza del 1971

Uno storico leader del partito islamico del Bangladesh, Jamaat-e-Islami, è stato impiccato mercoledì 11 maggio per i crimini di guerra commessi durante la guerra di indipendenza dal Pakistan nel 1971.

Motiur Rahman Nizami, di 73 anni, era accusato di genocidio, stupro e tortura. Centinaia di persone si sono riunite fuori della prigione dove era rinchiuso a Dhaka per “festeggiare” la sua esecuzione.

Nizami è il quinto leader dell’opposizione a essere giustiziato dal dicembre del 2013 con l’accusa di crimini di guerra. Durante l’insurrezione per ottenere l’indipendenza dal Pakistan, Nizami aveva formato una milizia autonoma che aveva aiutato l’esercito di Islamabad a individuare e uccidere i ribelli

Le autorità del Bangladesh sostengono sia una tappa obbligata nel lento processo di pacificazione del paese, ma gli attivisti a difesa dei diritti umani hanno in più occasioni denunciato che i processi non rispettano gli standard di giustizia internazionalmente riconosciuti.

Una settimana fa Nizami ha perso l’appello finale contro la sentenza di condanna. È stato impiccato dopo aver rifiutato di chiedere la grazia al presidente Abdul Hamid.

“È stato privato della giustizia, è vittima di una vendetta politica”, ha accusato Maqbul Ahmad, leader in carica di Jamaat-e-Islami, che ha invocato uno sciopero generale per giovedì 12 maggio.

I livelli di sicurezza sono stati aumentati in tutto il paese dopo l’esecuzione.

Il Pakistan dell’est, come era chiamato il Bangladesh prima dell’indipendenza, nel 1971 chiese più autonomia ma il Pakistan rispose inviando l’esercito. L’India intervenne in aiuto dei ribelli e nel dicembre del 1971 l’esercito pakistano si arrese.

Il Bangladesh sostiene che ci siano stati oltre tre milioni di morti durante la guerra di indipendenza, ma altre stime parlano di 500mila vittime. Oltre 10 milioni di bangladesi emigrarono in India. 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Variante, in Nigeria Omicron presente già a ottobre
Esteri / Unhcr: al via la campagna per salvare 3,3 milioni di rifugiati dal gelo invernale
Esteri / Bradley Cooper minacciato nella metropolitana di New York: “Aggredito con un coltello”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Variante, in Nigeria Omicron presente già a ottobre
Esteri / Unhcr: al via la campagna per salvare 3,3 milioni di rifugiati dal gelo invernale
Esteri / Bradley Cooper minacciato nella metropolitana di New York: “Aggredito con un coltello”
Esteri / AIRL, a Roma il Gala dell’amicizia italo-libica: “Che sia l’inizio di una nuova vita, di una stretta collaborazione”
Esteri / Variante, nel Regno Unito torna l’obbligo di mascherina nei luoghi e sui mezzi pubblici
Esteri / Austria, morto di Covid l’esponente No Vax Biacsics: aveva tentato di curarsi con clisteri di candeggina
Esteri / Usa, sparatoria in una scuola del Michigan: 15enne apre il fuoco sui compagni. Morti 3 studenti
Cronaca / L'a.d. di Moderna: “Vaccini meno efficaci contro Omicron"
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa