Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:45
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Boris Johnson “trollato” da Hugh Grant: l’attore fa trasmettere la sigla di Benny Hill fuori da Westminster

Immagine di copertina

Hugh Grant colpisce ancora: l’attore britannico protagonista delle più celebri commedie di fine anni ’90 si è preso gioco del premier Boris Johnson nel giorno in cui ha rassegnato le dimissioni dalla leadership dei Tories. In un Tweet, la star di Notting Hill ha chiesto all’attivista anti-Brexit Steve Bray, che stava organizzando una delle sue proteste “musicali” contro il governo fuori dalla Camera, di trasmettere per l’occasione anche la sigla del “Benny Hill show” fuori da Westminster. Bray ha subito dato seguito alla richiesta di Grant, e la sigla del programma comico degli anni ’80 è risuonata nei servizi televisivi che riportavano le ultime mosse del primo ministro davanti alla House of Commons.

“Buongiorno Steve, contento che i tuoi altoparlanti siano tornati. Per caso hai da qualche parte la sigla di Benny Hill  da trasmettere?”, ha scritto l’attore su Twitter. Detto, fatto. La sigla è stata diffusa per tutto il giorno ad altissimo volume davanti a Westminster, mettendo in difficoltà i giornalisti collegati con i network britannici per riportare le notizie del giorno. E così il servizio di Sky News è andato in onda con la canzone in sottofondo, tanto che il reporter ha dovuto scusarsi con il pubblico per il “rumore”. Intanto il filmato è diventato virale. Pochi però sapevano che dietro la scenetta c’era l’attore, che nel film “Love Actually” interpreta proprio il ruolo di primo ministro a Downing Street e che non aveva mai fatto mistero della sua avversione per Boris Johnson: in passato si è speso per la campagna dello “Stay” prima del Referendum sulla Brexit e contro Johnson durante le elezioni del 2019. L’ex sindaco di Londra ha annunciato ieri il suo passo indietro dopo le polemiche innescate dai vari scandali che hanno coinvolto il partito conservatore e il governo, e che hanno portato alle dimissioni di 60 tra parlamentari e ministri Tories. Resterà in carica fino all’elezione del nuovo leader del partito.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Troppe cause per rischio tumori: dal 2023 Johnson & Johnson non venderà più borotalco
Esteri / Costa Azzurra, ombrelloni e lettini soltanto ai bianchi. Stabilimenti accusati di razzismo
Esteri / Usa, l’attrice Anne Heche è cerebralmente morta, la famiglia: “Staccheremo la spina e doneremo gli organi”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Troppe cause per rischio tumori: dal 2023 Johnson & Johnson non venderà più borotalco
Esteri / Costa Azzurra, ombrelloni e lettini soltanto ai bianchi. Stabilimenti accusati di razzismo
Esteri / Usa, l’attrice Anne Heche è cerebralmente morta, la famiglia: “Staccheremo la spina e doneremo gli organi”
Esteri / Rinasce Notre-Dame: ecco come sarà la cattedrale di Parigi dopo la ricostruzione | VIDEO
Esteri / Onu: L’esercito israeliano ha ucciso 19 bambini palestinesi in meno di una settimana
Esteri / Usa, a casa di Trump l’Fbi cercava documenti su armi nucleari: la rivelazione del Washington Post
Esteri / Nuovo attacco alla centrale nucleare di Zaporizhzhia: scambio di accuse tra Kiev e Mosca
Esteri / Giallo a New York: due italiani trovati morti in un albergo
Esteri / Usa, Biden fatica a indossare la giacca, poi gli cadono gli occhiali
Esteri / Parigi, paura all’aeroporto Charles De Gaulle: uomo armato di coltello ucciso dalla polizia