Covid ultime 24h
casi +8.824
deceduti +377
tamponi +158.674
terapie intensive +41

Una hostess di volo lavora a Natale e il papà prende sei aerei per starle accanto

La storia è stata raccontata da un passeggero commosso dal gesto

Di Rossella Melchionna
Pubblicato il 27 Dic. 2018 alle 16:35 Aggiornato il 11 Set. 2019 alle 02:39
0
Immagine di copertina
Pierce, il suo papà Hal e il passeggero Mike Levy

Per le festività natalizie non voleva lasciare la figlia da sola a lavoro e così ha prenotato sei voli per seguirla. La storia arriva dagli Stati Uniti dove un padre, Hal Vaughan, ha accompagnato la figlia Pierce – una hostess della Delta Airlines – mentre lavorava a bordo degli aerei il giorno della Vigilia e poi a Natale. La storia è stata riportata da Metro.

La vicenda

Hal, nei giorni di festa, ha volato dalla Florida a Detroit fino al Massachusetts per stare in compagnia della figlia che, nel frattempo, si occupava dei passeggeri sui vari aerei. E a svelare il tenero gesto è stato proprio un post pubblicato su Facebook da uno di questi, Mike Levy, che si è seduto accanto al padre affettuoso di Pierce.

“Papà Hal ha deciso di trascorrere le vacanze con la figlia. Quindi sta volando su tutti i suoi voli (sia oggi che domani) in tutto il Paese per trascorrere del tempo con lei. Che padre fantastico!” ha scritto l’uomo sui social.

Un storia che ha già avuto più di 85mila “Mi piace” e 17mila condivisioni a partire dal 26 dicembre 2018.

La madre di Pierce, comunque, è stata informata sui diversi spostamenti del marito con puntualità da parte della figlia. Inoltre, la giovane hostess le ha anche fatto notare che Hal ha viaggiato in prima classe. “Il primo viaggio di papà con i suoi ‘benefits’ è stato un successo! Un ringraziamento speciale agli agenti (pazienti) che lavorano presso i gate aeroportuali del Paese e al mio equipaggio perfetto”.

Delta Airlines, in effetti, offre “numerosi vantaggi a tariffa ridotta e gratuita per il viaggio” ai dipendenti e ai “familiari idonei”.

Pierce, in conclusione, ha voluto anche ringraziare Mike Levy per aver raccontato a tutti la sua storia.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.