Hong Kong, il video del poliziotto che spara al petto di uno studente durante le proteste

Il ragazzo, 18 anni, è stato operato d'urgenza: i medici provano a salvargli la vita

Di Maria Teresa Camarda
Pubblicato il 1 Ott. 2019 alle 16:35 Aggiornato il 10 Gen. 2020 alle 20:03
258

Hong Kong, il video del poliziotto che spara allo studente

È stato diffuso dalla stampa libera di Hong Kong un video in cui si vede il momento esatto in cui il poliziotto cinese spara a uno studente durante le proteste. L’attivista ferito dalla polizia oggi, 1 ottobre, è in condizioni critiche. I medici lo hanno sottoposto a un delicato intervento per tentare di salvargli la vita. Dai primi soccorsi, scrive il South China Morning Post, è emerso che il proiettile era all’interno del torace, nonostante lo sparo ravvicinato.

Intanto, circola sui social il drammatico video relativo all’episodio. Il colpo è stato esploso dall’agente da circa un metro di distanza e ad altezza uomo finendo dritto nel petto del 18enne.

Il capo della polizia di Hong Kong Stephen Lo ha difeso però i suoi agenti sugli spari di avvertimento. E li ha definiti “legali e ragionevoli”, malgrado uno abbia raggiunto il ragazzo che adesso versa in condizioni gravi.

In una conferenza stampa convocata intorno a mezzanotte, Lo ha spiegato che c’erano condizioni di “estremo pericolo”. In base al fatto che “la vita dell’agente fosse in pericolo, egli ha preso la decisione che ha preso. Penso sia legale e ragionevole”, ha detto.

La situazione nella provincia cinese intanto è sempre più grave. Le manifestazioni si susseguono da mesi e stanno diventando sempre più teatro di scontri tra polizia e manifestanti. Tra i feriti, 51 persone (41 uomini e 10 donne), due sono in condizioni molto gravi. Uno di questi è lo studente colpito da un colpo di pistola. C’è anche un bambino di 11 anni tra le persone che hanno avuto bisogno dei soccorsi.

Il governo di Hong Kong, oggi, ha emesso “l’allerta rossa” e ordinato l’evacuazione del parlamento per motivi di sicurezza. La polizia, invece, ha reso noto di aver arrestato più di 100 persone, di età tra i 15 e i 44 anni, fermati per diversi reati, tra cui il possesso non autorizzato di armi e la partecipazione ad “adunate sediziose”.

QUI il resoconto della giornata a Hong Kong

258
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.