Covid ultime 24h
casi +24.991
deceduti +205
tamponi +198.952
terapie intensive +125

Hong Kong, scontri e arresti nel giorno dell’anniversario di piazza Tienanmen

Di Anna Ditta
Pubblicato il 4 Giu. 2020 alle 17:57 Aggiornato il 4 Giu. 2020 alle 18:01
104
Immagine di copertina
Credit: Liau Chung-ren/ZUMA Wire

Hong Kong, scontri e arresti nel giorno dell’anniversario di piazza Tienanmen

Nel giorno dell’anniversario della strage di piazza Tienanmen, a Hong Kong si sono registrati nuovi scontri tra polizia e manifestanti. Nel quartiere di Mongkok, in serata, agenti in borghese hanno effettuato quattro arresti e usato lo spray al peperoncino contro i manifestanti pro-democrazia che stavano bloccando una strada, come riporta l’agenzia Agi. Nel quartiere di Sheung Wan, sull’isola di Hong Kong, invece, gli artificieri hanno distrutto un pacco sospetto con la scritta “attenzione”. Gli agenti hanno inoltre circondato la sede dell’ufficio di collegamento del governo cinese a Hong Kong, verso cui è diretto un gruppo di manifestanti. Ma la giornata a Hong Kong è stata segnata anche dal passaggio al Parlamento locale della controversa legge sull’inno nazionale.

Oggi, 4 giugno, centinaia di manifestanti hanno forzato il blocco delle forze dell’ordine per impedire lo svolgimento della  veglia di commemorazione per le vittime della strage di piazza Tienanmen a Victoria Park. L’evento si tiene ogni anno in piazza in occasione dell’anniversario della strage delle proteste pro-democratiche di piazza Tienanmen, a Pechino, nel 1989, ma quest’anno era stato vietato per motivi sanitari. L’atmosfera della veglia è stata pacifica, secondo quanto riporta il South China Morning Post, e nel corso della serata i partecipanti hanno scandito lo slogan “Liberare Hong Kong! Rivoluzione dei nostri tempi”. Altre commemorazioni della strage di trentuno anni fa si sono tenute anche in altre parti della città, l’unico posto in territorio cinese dove sono ammessi gli eventi per ricordare le proteste pro-democrazia di Pechino represse nel sangue nel 1989.

Leggi anche: 1. Joshua Wong: “La mia vita è a rischio, ho paura di finire in un carcere cinese silenziato per sempre. Ma non illudetevi: oggi Hong Kong, domani Taiwan” 2. Esclusivo TPI: “Cari italiani non illudetevi, la solidarietà della Cina è solo propaganda per esercitare un’influenza politica”. Parla Joshua Wong, leader delle proteste di Hong Kong / 3. Coronavirus, l’Italia in balia della propaganda cinese: tra bot, stampa connivente e fake news /4. Leader ci sarete voi (di Giulio Gambino)

104
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.