Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

A Hong Kong i siti porno bloccati per incoraggiare i cittadini a partecipare alle proteste

Immagine di copertina

Hong Kong proteste blocco siti porno | A Hong Kong i siti porno sono stati bloccati per incoraggiare i cittadini a partecipare alle proteste.

Nelle ultime settimane centinaia di migliaia di persone sono scese in piazza per protestare contro il progetto di legge sull’estradizione in Cina. Almeno due milioni di persone hanno partecipato alle proteste.

Alcuni siti porno, per dare il loro contributo alla causa, hanno deciso di bloccare provocatoriamente l’accesso ai loro portali, per spingere la gente a unirsi alle manifestazioni di piazza.

I siti per adulti AV01 e ThisAV sono rimasti bloccati, come riferisce il sito Quartz. Entrambi i siti hanno smesso di offrire video e hanno pubblicato messaggi motivazionali, per coinvolgere i cittadini a protestare, invece che a “rimanere a casa a masturbarsi”.

“Vuoi vivere il resto della tua vita guardandoti le spalle?”, si leggeva sul sito. O ancora: “Non ci sarà più alcun posto sicuro. Il governo ti ha deluso, il sistema ti ha deluso, la società ti ha deluso, vuoi deludere te stesso?”.

Il numero di persone che è sceso in piazza è cresciuto esponenzialmente nei giorni, fino a raggiungere la cifra record di 2 milioni di partecipanti. Secondo gli analisti è una delle più grandi proteste della storia di Hong Kong.

Oltre 100 aziende locali hanno preso misure simili ai due siti porno citati, chiudendo i battenti per incoraggiare i loro dipendenti a partecipare.

La marea umana per le strade di Hong Kong ha avuto la meglio. La governatrice di Hong Kong, Carrie Lam, ha annunciato la sospensione a tempo indeterminato del dibattito sulla controversa legge sull’estradizione in Cina, che negli ultimi giorni ha generato forti tensioni di piazza.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Esplode un blindato a Rafah, muoiono 8 soldati israeliani
Esteri / Il G7 annuncia un prestito da 50 miliardi di dollari all’Ucraina ma l’Europa (e l’Italia) rischia di restare con il cerino in mano
Esteri / Il piano di pace di Putin: "Kiev si ritiri da 4 regioni e rinunci ad aderire alla Nato". Secco no da Usa e Stoltenberg
Ti potrebbe interessare
Esteri / Esplode un blindato a Rafah, muoiono 8 soldati israeliani
Esteri / Il G7 annuncia un prestito da 50 miliardi di dollari all’Ucraina ma l’Europa (e l’Italia) rischia di restare con il cerino in mano
Esteri / Il piano di pace di Putin: "Kiev si ritiri da 4 regioni e rinunci ad aderire alla Nato". Secco no da Usa e Stoltenberg
Esteri / L’incredibile storia dell’ospite indesiderato del New Yorker Hotel
Esteri / Da Gaza a Taiwan, Francesco Maringiò a TPI: “Vi spiego com’è il mondo visto dalla Cina”
Esteri / Reportage TPI: Belfast è lo specchio del conflitto in Medio Oriente
Esteri / L’eterno conflitto tra Israele e Palestina in Medio Oriente
Esteri / Nessuno vuole davvero scaricare Putin: il sospetto di Zelensky che spaventa gli Usa
Esteri / La macchina da guerra dell’intelligenza artificiale che ha aiutato Israele a distruggere Gaza
Esteri / Ilaria Salis è libera, tolto il braccialetto elettronico