Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 20:40
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Hong Kong, il magnate pro-democrazia Jimmy Lai condannato a 14 mesi di carcere

Immagine di copertina

Hong Kong: l’editore pro-democrazia Jimmy Lai condannato a 14 mesi di carcere

Jimmy Lai Chee-ying, magate ed editore pro-democrazia di Hong Kong, è stato condannato a 14 mesi di carcere per aver partecipato a un’assemblea non autorizzata durante la festa nazionale cinese il 1 ottobre 2019.

Lai, che si trova già in carcere per aver partecipato ad altre manifestazioni, dovrà scontare la sua nuova condanna consecutivamente, il che significa che il magnate dovrà affrontare circa 20 mesi di carcere.

L’imprenditore è uno degli otto attivisti di primo piano di Hong Kong reclusi, mentre altri due sono stati condannati, ricevendo, però, la sospensione della pena.

Tra gli altri attivisti condannati figurano l’avvocato Albert Ho e Figo Chan, rappresentante del Civil Human Rights Front, il movimento che ha organizzato le manifestazioni che hanno dato il via alle proteste pro-democrazia nell’estate 2019, i quali hanno ricevuto la sentenza più dura, ovvero 18 mesi di carcere, assieme ad altri due attivisti: Lee Cheuk-yan e Lee Kwok-hung.

Secondo Amanda Woodcock, la giudice che ha emesso la sentenza, era “irrealistico” pensare che l’evento organizzato dagli attivisti potesse non sfociare in violenti scontri con la polizia.

Jimmy Lai Chee-ying, inoltre, deve affrontare altre due accuse per la violazione della legge sulla sicurezza nazionale, che potrebbero condannarlo al carcere a vita.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Canada, scoperta una nuova fossa comune di bambini indigeni: resti di 761 persone
Costume / Lettonia, sosia dei Maneskin nella pubblicità della mozzarella e della pizza
Esteri / Scienziato Usa trova prime sequenze del virus: "Cancellate su richiesta dei cinesi"
Ti potrebbe interessare
Esteri / Canada, scoperta una nuova fossa comune di bambini indigeni: resti di 761 persone
Costume / Lettonia, sosia dei Maneskin nella pubblicità della mozzarella e della pizza
Esteri / Scienziato Usa trova prime sequenze del virus: "Cancellate su richiesta dei cinesi"
Esteri / Orban: "La nostra legge non è contro i gay ma sulle famiglie, non la ritiriamo"
Esteri / Miami, crolla palazzo di 12 piani in zona residenziale: “Si temono molte vittime”
Esteri / Morto in carcere il “papà” del primo antivirus per computer
Esteri / Un web designer ha chiamato suo figlio HTML
Esteri / Così il dittatore torna “utile”: l’Ue offre 3,5 miliardi alla Turchia di Erdogan per bloccare i migranti
Esteri / Britney Spears: “Basta tutela paterna, rivoglio la mia vita”. E porta in tribunale la famiglia
Esteri / Scuole bombardate e senza corrente elettrica: a Gaza iniziano gli esami di maturità